Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/coronavirus-variante-omicron-lamorgese-terze-dosi-e-mascherine-ancora-piu-importanti-f79b1c58-ba7c-4e11-8980-5caa4037136b.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

"Collaborare" per un Natale sereno

Variante Omicron, Lamorgese: "Terze dosi e mascherine ancora più importanti"

La ministra dell'Interno incontrerà lunedì "i prefetti, il capo della polizia, i comandi generali di Guardia di Finanza e Carabinieri per predisporre un piano" in previsione del periodo natalizio: "È il momento della responsabilità"

Condividi
Con l'arrivo della nuova variante serve  "responsabilità" da parte dei cittadini e "noi da parte nostra faremo tutti i controlli necessari". La ministra dell'Interno, Luciana Lamorgese, annuncia a Radio 24 la predisposizione "di un piano che poi i prefetti possano attuare nei territori". "Se vogliamo vivere un periodo natalizio in serenità - dice - dobbiamo fare la nostra parte".

Terze dosi e precauzioni
Per quanto riguarda la variante Omicron del Covid-19 "ora bisognerà comprendere in tempi brevi se comporta una maggiore contagiosità", ma "al momento sembra che i vaccini mantengano la forza che fino ad ora ci ha salvato, quindi è ancora più importante che la terza dose venga effettuata quanto prima", ed "è ancora più importante che i cittadini mantengano le precauzioni, come l'uso della mascherina e il distanziamento", ha detto ancora la ministra dell'Interno appellandosi alla "collaborazione" di tutti.

Domani incontro su misure per i territori
"Domani avrò un incontro con tutti prefetti e le forze di polizia perché poi si stabiliscano delle misure che poi verranno declinate sui territori. E' il momento della responsabilità di ognuno di noi e può essere anche un momento di ottimismo perché così facendo, con la terza dose e andando avanti con le vaccinazioni, è l'unico modo per salvarci e uscirne fuori". Lo ha detto, parlando con i giornalisti a Firenze, a margine della festa del Foglio, la ministra dell'Interno, Luciana Lamorgese.

"Abbiamo visto quali sono i paesi chiusi ai voli, non mi sembra che ci siano paesi presenti nella lista dei paesi da cui provengono" i migranti, "tra l'altro quando giungono nel nostro paese noi li vacciniamo. E' un problema generale", ha concluso.

Controlli sui mezzi pubblici
In vista dell'entrata in vigore del super green pass, faremo 'cControlli non saranno solo nei ristoranti, negli esercizi di pubblico spettacolo, ma anche sui mezzi pubblici, nelle metropolitane. È un impegno notevole per le forze di polizia, ma c'è tutto l'intento per fare il massimo perché comprendiamo che il momento è difficile, anche in relazione alla nuova variante. Serve un grande senso di responsabilità da parte di tutti''. 

''Da gennaio ad oggi abbiamo controllato 28 milioni di persone, circa 3,6 milioni di ristoranti, non è che fino ad ora non è stato fatto niente. È stato fatto tanto e ancor di più andrà fatto in questo momento con le forze che abbiamo. Ce la metteremo tutta''.

Manifestazioni no vax
"Bisogna tenere conto del diritto a fare le manifestazioni, ma statiche e senza ledere i diritti di chi vuole uscire per una passeggiata o andare a fare delle spese, individuiamo aree dove è possibile manifestare ma senza ledere diritti degli altri". "Mi pare che ci sia una minore presenza alle manifestazioni, chi doveva capire ha capito che insistere più di tanto non ne vale la pena. Con i ministri della Lega e con gli altri c'è uno scambio di idee e poi si arriva alla sintesi. I provvedimenti approvati dal Cdm hanno visto la sintesi anche da parte degli appartenenti alla Lega" .

"In queste manifestazioni certamente ci sono persone radicalizzate che cercano di fare proselitismo nel circuito no vax. Stiamo seguendo con la massima attenzione. Abbiamo visto ciò che è successo a Roma con l'attacco alla sede della Cgil, con Forza Nuova che ha preso il sopravvento. Stiamo attenti alle posizioni radicalizzate che vogliono raggiungere altri risultati, che non sono quelli che appaiono nell'immediatezza".