Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/costa-ragionevole-terza-dose-entro-anno-insegnanti-e-over-cinquanta-321878c5-19fd-4240-a3e2-87afbb5f65eb.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Lotta al Covid

Terza dose, ​Costa: ragionevole entro l'anno per insegnanti e over 50

Intervistato a Radio1 e a Cusano Italia tv, il sottosegretario alla salute chiede chiarezza sulla terza dose. Oggi Aifa decide su J&J, "in merito al richiamo da fare con un vaccino Pfizer o Moderna a 6 mesi dalla prima dose". In settimana norme su scuola, "pronti anche a considerare obbligo vaccinale per categorie"

Condividi
"Le indicazioni ci dicono che è ragionevole pensare che già entro fine anno ci possa essere un ampliamento della platea, pensiamo ai 50enni, ad alcune categorie come gli insegnanti". È quanto ha spiegato il sottosegretario alla salute Andrea Costa durante la trasmissione 'Restart 264' su Cusano Italia Tv riferendosi alle indicazioni future sulla terza dose.

Quella sulla terza dose di vaccino anti-Covid "è una scelta che la politica fa sulla base di indicazioni scientifiche. L'Aifa", l'Agenzia Italiana del Farmaco, "ci ha detto di procedere oggi con la terza dose per i fragili e gli over 60 e così stiamo facendo. Invito i cittadini che sono compresi in queste categorie a procedere con la vaccinazione". "Faccio un appello ai genitori a vaccinare i ragazzi over 12, perché i dati - ha concluso - ci dicono che il virus sta circolando molto più rapidamente nei giovani non vaccinati e si rischiano nuove varianti". 

Ma dice intervistato anche a 'Radio anch'io' su Radio1 "serve essere chiari con i cittadini, mi auguro che non diventi un tema di dibattito politico. C'è bisogno di uniformità nel paese, seguiamo le indicazioni della comunità scientifica"

Oggi dall'Aifa dovrebbero arrivare indicazioni precise sul vaccino J&J "in merito al richiamo da fare con un vaccino Pfizer o Moderna a 6 mesi dalla prima dose. E per quanto riguarda le scuole l'obiettivo primario del governo è garantire tutto l'anno in presenza limitando al massimo la didattica a distanza e le nuove regole che saranno approvate in settimana scatteranno con 3 positivi in aula". 

"L'obbligo vaccinale per alcune categorie non è un tabù e siamo pronti a prenderlo in considerazione. Ora affrontiamo queste settimane, vediamo quali saranno i dati delle vaccinazioni, dopo ci auguriamo che vi sia un senso di responsabilità che prevalga".

E sulla possibile reintroduzione dell'obbligo di mascherina all'aperto "ad oggi questa non è un'ipotesi sul tavolo del ministero. Confido che questo possa essere un natale diverso da quello dello scorso anno. Molte scelte dipenderanno da quanti non vaccinati decideranno di vaccinarsi". "Ciò che ci protegge è il vaccino e non il tampone - ha poi proseguito il sottosegretario costa intervenuto a Radio anch'io - non è corretto che chi si è vaccinato debba sopportare misure restrittive a causa di una minoranza che non si è vaccinata. Le scelte non saranno molte: o proseguire con le misure restrittive imponendole anche a chi si è vaccinato, o introdurre delle distinzioni, o introdurre degli obblighi vaccinali per alcune categorie come alcune fasce d'età over 50 e over 60 dove ci sono molti concittadini che non si sono vaccinati e alcune categorie a stretto contatto con il pubblico". 

"L'obiettivo è quello di raggiungere il 90% dei vaccinati, a quel punto credo che si possa aprire una fase nuova e rivedere anche le misure restrittive, come l'utilizzo del green pass". "Credo che quella del 90% sia una quota che ci permetterebbe una gestione endemica della pandemia. Ormai c'è la consapevolezza che non possiamo più parlare di immunità di gregge, perchè anche un vaccinato può contrarre il virus, ma lo contrae in maniera molto più lieve. L'obiettivo del governo è fare in modo che nessun cittadino muoia più di Covid e che nessuno finisca più in terapia intensiva. L'obiettivo del 90% crea queste condizioni. Mancano circa 2 milioni di cittadini - ha aggiunto - per raggiungere questo obiettivo, spero maturi in loro la consapevolezza che grazie alla loro vaccinazione non solo mettono al riparo la propria vita, ma permettono anche al paese di proseguire nel percorso di ritorno alla normalità e di ripresa economica".