Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/covid-19-berlusconi-sottovalutazione-governo-dialoghi-no-a-lockdown-7f43bbc7-2f36-473b-a0b1-84af547babb1.html | rainews/live/ | true
POLITICA

"Salvini leader indiscusso? Centrodestra coalizione plurale"

Covid-19. Berlusconi: "C'è stata sottovalutazione, governo dialoghi. No a lockdown"

"Non capisco perchè il governo sia così restio ad accogliere le proposte di collaborazione che - nella distinzione dei ruoli - abbiamo avanzato in tante occasioni", ha affermato l'ex premier, "i nostri consigli sarebbero sicuramente utili per i cittadini e per l'Italia"

Condividi
"Comprendo la difficoltà ad agire del governo in una situazione così difficile. Appunto per questo da opposizione responsabile ci asteniamo da critiche facili e strumentali. Anche di  fronte all'ultimo provvedimento. Tuttavia, non si può non sottolineare che vi sia stata una oggettiva sottovalutazione di quanto sarebbe potuto accadere": a lamentarlo è il leader di  Forza Italia, Silvio Berlusconi, in un'intervista a Repubblica.

"Non capisco perchè il governo sia così restio ad accogliere le proposte di collaborazione che - nella distinzione dei ruoli - abbiamo avanzato in tante occasioni", ha affermato l'ex  premier, "i nostri consigli sarebbero sicuramente utili per i cittadini e per l'Italia". Per Berlusconi un lockdown "potrebbe essere efficace, certo, ma se possibile sarebbe da evitare,  perchè ha un costo sociale elevatissimo". 

Il leader di Forza Italia ha esortato il governo a "estrema rapidità" per "far pervenire gli aiuti necessari ai lavoratori e alle categorie". "Per questo è indispensabile usare subito,  senza perdere ancora neppure un giorno, le risorse disponibili, i 15-20 miliardi avanzati dallo scostamento di bilancio per aiutare le categorie danneggiate e i fondi che l'Europa ci  mette a disposizione con il Mes per potenziare il sistema sanitario", ha aggiunto.

Berlusconi ha poi ribadito come Forza Italia sia "un partito vivo e radicato", "unica depositaria dei valori liberali, cristiani, garantisti che sono parte essenziale di un centrodestra  moderno", e che nel centrodestra non esista alcun "leader indiscusso". "Il centrodestra", ha osservato, " "è una coalizione plurale, nella quale anime, linguaggi e sensibilità diverse  convergono su un programma comune. Al momento la Lega è il maggiore partito della coalizione. Alle prossime elezioni vedremo quale sarà il movimento che raccoglierà  più consensi e sono certo che Forza Italia riuscirà a tornare ai livelli percentuali del recente passato", ha spiegato. Quanto a un'ingresso della Lega nel Ppe, "questo dipende dalle  scelte della Lega": "Una svolta europeista sarebbe certamente un fatto positivo".

"Incidenti Napoli, spettacolo grave e preoccupante"
"Gli incidenti di Napoli? Uno spettacolo grave e preoccupante. Purtroppo è un segnale di quello che potrebbe accadere in molte città se non verrà dato un immediato ristoro a  chi, per il Covid, rischia di perdere tutto. Non possiamo far morire la gente di fame per ridurre i morti causati dal virus. Poi, certo, la camorra strumentalizza un disagio grave e  reale, conducendolo fuori dalle regole della civile convivenza - sottolinea Berlusconi - Questo non è accettabile, ma io vorrei lanciare un duplice appello: ai cittadini di non cedere  al panico e di osservare le regole, alle istituzioni di fare qualcosa subito. Ad ogni chiusura, per quanto giustificata, deve corrispondere l'immediato indennizzo per chi è  danneggiato. Altrimenti il Paese non regge".

"Amministrative Roma, Bertolaso candidato giusto"
 "Per Roma come per ogni città ragioneremo insieme per trovare le soluzioni migliori. Personalmente ritengo che Bertolaso, con la sua capacità e la sua esperienza,  ossa garantire la gestione professionale di cui Roma ha bisogno. Però su Roma, come su tutte le altre città, stiamo lavorando molto bene con Giorgia Meloni e Matteo Salvini,  cercando i candidati più validi senza veti nè pregiudiziali". Così Silvio Berlusconi in merito alle prossime amministrative nella capitale.

"Nuovi progetti politici hanno poca fortuna" 
"I nuovi progetti, sempre che esistano, ricordo che in passato non hanno mai avuto molta fortuna". Così il leader di Forza Italia parlando del nuovo progetto politico di Toti e  Carfagna. "Tempo fuga da FI? Per essere precisi Forza Italia esprimeva quattro governatori di Regione, fino alla tragica e prematura scomparsa, pochi giorni fa, di una donna  straordinaria come Jole Santelli, governatrice della Calabria da tutti profondamente rimpianta. Anche l'informazione sull'Abruzzo non è precisa: cambierà semplicemente il nome del rappresentante di Forza Italia in giunta. Resta la brutta pagina della Liguria, che non merita commenti. Forza Italia è un partito vivo e radicato. In questi giorni sto incontrando, naturalmente da remoto, molti consiglieri regionali, sindaci, dirigenti locali. Trovo tanta voglia di combattere, di affermare il ruolo di Forza Italia come unica depositaria dei valori liberali, cristiani, garantisti che sono parte essenziale di un centrodestra moderno. Il rinnovamento lo stiamo facendo, senza disfare la casa che abbiamo ".

"Salvini leader indiscusso? Centrodestra coalizione plurale"
Su Matteo Salvini e la sua posizione di leader del centrodestra Berlusconi dice: "Non esiste un 'leader indiscusso'. Il centrodestra è una coalizione plurale, nella quale anime, linguaggi e sensibilità diverse convergono su un programma comune. Al momento la Lega è il maggiore partito della coalizione. Alle prossime elezioni vedremo quale sarà il movimento che raccoglierà più consensi e sono certo che Forza Italia riuscirà a tornare ai livelli percentuali del recente passato".