Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/cts-protezione-civile-pubblica-i-verbali-desecretati-5e245dd9-fd99-4cd4-a6a3-13cfa1d32db3.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

I mesi dell'emergenza

Coronavirus, Protezione civile pubblica i verbali desecretati del Cts

Quarantena per studenti in arrivo dalla Cina, mascherine poco utili sul lavoro, distanza di sicurezza in spiaggia, al ristorante, a scuola. Sul sito della protezione civile si possono leggere tutti i verbali delle riunioni del Comitato tecnico scientifico per l'emergenza coronavirus. Sono 95 documenti che coprono il periodo dal 7 febbraio al 20 luglio

Condividi
Sono 95 i verbali delle riunioni del Comitato tecnico scientifico pubblicati sul sito della Protezione civile. Si parte dalla prima riunione, datata 7 febbraio e si arriva a quella del 20 luglio. 

Gli esperti del Comitato tecnico scientifico segnalavano già all'inizio di febbraio  "il persistere dell'allarme" Covid, valutato in fase di espansione in Cina. L'organismo, in ossequio al principio di "massima precauzione", raccomandava la quarantena di 14 giorni per gli studenti di ritorno in Italia dalle aree della Cina interessate dall'epidemia.

"I provvedimenti messi in atto dal Governo italiano, in un rapporto di proficua collaborazione con le Regioni e Province autonome, ed il fondamentale contributo delle professioni sanitarie e della protezione civile, rappresentano, nelle condizioni attuali, un argine adeguato per il Paese". E' quanto si legge nel verbale della prima riunione del Cts, datata 7 febbraio, sull'epidemia da Coronavirus.

Creazione di 'zone gialle'
Nel corso della riunione del 26 febbraio, il Comitato tecnico scientifico "si discute dell'opportunità di delimitare al fine della quarantena altre aree della Regione Lombardia, in aggiunta ai 10 comuni" del Lodigiano previsti nel decreto del 23 febbraio. In quel momento però il Cts "non ritiene che ci siano le condizioni per l'estensione delle restrizioni a nuove aree e che non siano necessarie altre misure restrittive", anche se il Cts considera l'eventualità di creare delle "zone gialle" nelle aree dove il virus si sta diffondendo. Tra le indicazioni degli esperti, anche la necessità di effettuare i controlli con il termoscanner ai passeggeri in partenza. Sconsigliati anche i convegni, gli incontri e assemblee.

Mascherine non sempre utili
"Tutte le raccomandazioni scientifiche elaborate internazionalmente riportano chiaramente che non vi è evidenza per raccomandare indiscriminatamente ai lavoratori di indossare mascherine chirurgiche" per la protezione da Covid 19. Al contrario, l'uso di questi dispositivi è "stringentemente raccomandato solo per gli operatori sanitari e per quei soggetti che abbiano sintomi respiratori". Così nel verbale della riunione del 13 marzo il Comitato tecnico scientifico invitava ad adottare sui luoghi di lavoro altre misure, a partire dal distanziamento sociale.

Attenzione alle Rsa
Per quanto riguarda le Rsa il Cts conviene che "una maggiore incidenza dell'azione delle istituzioni preposte alla tutela sanitaria è assolutamente necessaria". É un passaggio del verbale dell'11 aprile del Comitato tecnico scientifico, pubblicato sul sito della Protezione civile.

Ombrelloni 4,50 metri, ristoranti 4 metri
Per gli esperti del Comitato tecnico scientifico "la distanza minima tra le file di ombrelloni" per garantire al sicurezza deve essere di "5 metri" e di  "4.50 metri la distanza minima tra gli ombrelloni
della stessa fila". Lo si legge nel verbale delle riunioni del 6 e 8 maggio. Per il riavvio del settore della ristorazione il comitato tecnico scientifico suggeriva, nelle riunioni dell'8 e 10 maggio 2020, di "definire un limite di capienza predeterminato" per ogni locale."Uno spazio - si legge nel verbale numero 68 del Cts - che di norma dovrebbe essere non inferiore a 4  metri quadri per ciascun cliente, fatto salvo la possibilità di adozioni di misure organizzative come ad esempio, le barriere divisorie".

Distanziamento a scuola
"Il layout delle aule destinate alla didattica andrà rivisto con una rimodulazione dei banchi, dei posti a sedere e degli arredi scolastici, al fine di garantire il distanziamento personale di almeno 1 metro". Inoltre, "va prestata la massima attenzione al layout della zona interattiva della cattedra, prevedendo tra l'insegnante e il banco/i banchi uno spazio idoneo di almeno 2 metri". E' quanto si legge nel verbale della riunione del Cts del 7 luglio scorso.

Tutti i verbali
I file sono rilasciati sul repository GITHUB del Dipartimento della Protezione Civile raggiungibile all’indirizzo https://github.com/pcm-dpc/COVID-19-Verbali-CTS.

Nei documenti sono state oscurate le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti privati, anche societari, e dei prodotti sanitari di questi ultimi, allo scopo di contemperare le esigenze di trasparenza con quelle di riservatezza dei terzi.

Sono stati, altresì, omessi gli allegati e i documenti sottoposti alle valutazioni del CTS, in virtù di quanto disposto dall’articolo 5-bis, comma 2, del D. Lgs 33/2013, e tenuto conto dell’alto numero di controinteressati, come previsto dalla Circolare FOIA 1/2019.