Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/datagate-nsa-sms-controllati-nuovi-documenti-snowdn-50c201f3-467d-4766-bae5-935e07e261bd.html | rainews/live/ | true
MONDO

Nuove rivelazioni da documenti di Snowden

Datagate, la Nsa intercettava ogni giorno 200 milioni di sms in tutto il mondo

L'agenzia ogni giorno raccoglieva 200 milioni di sms per estrarre informazioni su contatti e dettagli di carte di credito. Lo rivelano Guardian e Channel 4

Condividi
La National Security Agency (Nsa) avrebbe intercettato e schedato ogni giorno 200milioni di sms scambiati tra utenti in tutto il mondo. Messaggi dai quali venivano poi estratte informazioni di ogni genere: contatti della rubrica, password per i social media, informazioni personali fino ai dettagli delle carte di credito. Sono le nuove rivelazioni del datagate, informazioni contenute nei documenti top-secret della talpa Edward Snowden diffuse dai media britannici Guardian e Channel 4.

"Dishfire" il nome in codice di questo programma che permette alla Nsa di localizzare milioni di persone e di scoprirne i segreti più nascosti, spiandone gli sms. Stando sempre alle rivelazioni di Snowden, raccoglie "praticamente tutto quello che può" in una maniera che si potrebbe definire "random". I documenti rivelano inoltre che l'agenzia d'intelligence britannica Gchq avrebbe  fatto uso del database costruito dall'Nsa con gli sms "archiviati" per cercare informazioni e dati nelle comunicazioni di utenti nel Regno Unito.

L'ennesima rivelazione arriva alla vigilia dell'annunciata stretta della Casa Bianca sui poteri dell'intelligence americana, con Barack Obama che nelle prossime ore presenterà le sue proposte sulla base del lavoro compiuto dalla task force di esperti costituita la scorsa estate, quando scoppiò il Datagate.

Solo ieri il New York Times ha pubblicato un articolo in cui svela, citando fonti interne all'agenzia, che la Nsa avrebbe installato software in circa 100mila computer in tutto il mondo, tranne negli Stati Uniti, per permettere al governo americano di controllarli e spiarli. Una tecnolgia, utilizzata per diversi anni dall'agenzia, che si baserebbe su onde radio trasmesse da circuiti molto piccoli e schede usb inserite segretamente nei computer.