Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/dl-sicurezza-trattative-pd-m5s-lamorgese-lampedusa-collasso-b5b3a914-4bad-48ae-9c91-5caf9fdd03a4.html | rainews/live/ | true
ITALIA

​Dl sicurezza, si continua a trattare

Diversi gli obiettivi di Pd e M5s, ma via libera a settembre. Oggi nuovo incontro al Viminale. Lampedusa al collasso. Lamorgese: arrivi inaccettabili. Viminale, contesto senza precedenti. Venerdì navi quarantena

Condividi
Per la quinta volta, questa sera, esponenti della maggioranza cercheranno di fare il punto col ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese sulla riforma dei decreti sicurezza firmati da Matteo Salvini, come chiesto dal presidente Mattarella oltre un anno fa. 

Pd e M5s non riescono ancora a trovare la quadra: "Finora non siamo riusciti ad ottenere i risultati che volevamo" afferma il leader del Pd Nicola Zingaretti mentre il ministro degli Esteri Luigi di Maio attacca l'Europa. "Chiedo all'Ue di dare una risposta: in una fase in cui c'è un rischio sanitario altissimo ci aspettiamo che la redistribuzione riparta subito".  Le condizioni per arrivare subito ad un nuovo provvedimento non ci sono, se ne riparlerà a settembre, dopo le elezioni regionali e dopo che si sarà, auspicabilmente, ridotto il flusso i migranti che in questi giorni sta mettendo in ginocchio il sistema di accoglienza di Lampedusa. 

L'hotspot è al collasso: a fronte di 95 posti disponibili e nonostante il trasferimento in Sicilia di 410 migranti, ce ne sono ancora centinaia e altri 150 sono stati lasciati sul molo Favarolo. "Il momento è effettivamente difficile - ammette il ministro dell'Interno Luciana Lamorgese - Questi arrivi continui sono inaccettabili, stiamo facendo tutto il possibile". Il Viminale parla di un "contesto senza precedenti" dovuto al coronavirus e alla conseguente crisi economica che ha colpito non solo i paesi del nord Africa, alimentando "un eccezionale flusso di migranti economici" che tenta di raggiungere l'Ue. 

Per cercare di alleggerire la situazione, il Viminale ha anche avviato la bonifica di un'area militare dove dovrebbero essere realizzati dei "ricoveri abitativi destinati al periodo di isolamento fiduciario dei migranti". La soluzione più immediata resta quella della nave per la quarantena dei migranti. Anzi delle navi, perché l'obiettivo è avere "almeno due unità" per un totale di 1.200 posti. "Entro la fine della settimana arriverà la nave in modo da non creare più "disagio alle comunità" assicura Lamorgese. Dopo 3 gare andate deserte sono infatti arrivate 5 manifestazioni d'interesse per il bando da 4,8 milioni e la gara sarà assegnata entro venerdì.