Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/donna-strangolata-chinatown-prato-e8402813-150c-49a7-88f0-9a45a0854d56.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Indagano i carabinieri, si ignora l'identità, il fidanzato non parla italiano

Donna strangolata nella 'Chinatown' di Prato

La vittima è una cinese di 26 anni. È stata trovata morta in una casa che condivideva con altri connazionali. Il compagno ascoltato dagli inquirenti

Condividi
Una fabbrica di Prato
Potrebbe esser stata strangolata, la giovane cinese trovata morta a Prato nella Chinatown della città. L'omicidio sarebbe avvenuto in una camera da letto della casa dove la ragazza di 26 annie viveva con altri connazionali. 

A dare l'allarme sono state alcune amiche della giovane, che ne hanno trovato il corpo ormai senza vita. All'arrivo dei carabinieri c'era anche il compagno della vittima: è un cinese che non parla l'italiano e che è stato ascoltato dagli inquirenti con l'aiuto di un interprete. L'uomo, secondo una prima ricostruzione, sarebbe rientrato in casa quando già era stato dato l'allarme e sarebbe in stato confusionale. Gli inquirenti stanno sentendo anche le ragazze amiche della giovane strangolata nonché tutti gli altri cinesi che hanno affittato camere nell'abitazione, almeno quattro, per confrontare le loro versioni.

Ancora tutti da chiarire i contorni dell'omicidio: secondo il medico legale, la morte della giovane risalirebbe ad almeno 6-7 ore prima del ritrovamento del corpo che non presentava segni di arma da taglio ma solo quelli di una colluttazione finita con lo strangolamento. I carabinieri non hanno trovato i documenti della giovane, ma solo il suo cellulare.