Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/economia-Istat-disoccupazione-scende-a-11e-8-per-cento-ai-minimi-dal-2013-Meno-disoccupati-anche-tra-i-giovani-cb785689-725e-4ae9-9f1f-ac2475bf57ff.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Lavoro

Istat, disoccupazione scende all'11,8%: ai minimi dal 2013. Meno disoccupati anche tra i giovani

In 12 mesi disoccupazione cala dell'8,1%. Tra i giovani il tasso è al 40,5%. Ma la ripresa del lavoro è incerta: diminuiscono anche gli occupati, -36mila. A salire è invece il numero degli inattivi

Condividi
Continua a scendere la disoccupazione che a settembre arriva al livello più basso da gennaio 2013, all'11,8%. Sono i dati dell'Istat che spiega che la diminuzione di 0,1 punti percentuali rispetto al mese precedente, segue quella di luglio (-0,5 punti) e agosto (-0,1). Nei 12 mesi ci sono 264 mila persone in meno in cerca di lavoro, -8,1%. Da gennaio gli occupati a tempo indeterminato sono aumentati di 77mila unità, mentre quelli a termine di 182mila unità

Disoccupazione giovanile
In particolare il tasso di disoccupazione giovanile a settembre è al 40,5%, in calo di 0,2 punti percentuali da agosto. In un mese ci sono 14 mila ragazzi tra i 15 e i 24 anni in meno che cercano un'occupazione. A fronte di questo miglioramento, c'è però anche un calo degli occupati di 11 mila giovani dovuto all'aumento degli inattivi.

Occupati in calo
La ripresa del lavoro è però incerta. Il calo della disoccupazione porta con sè anche il calo degli occupati. Dopo la crescita registrata negli ultimi tre mesi (+0,7%, pari a +166 mila occupati tra giugno e agosto), a settembre 2015 la stima degli occupati diminuisce dello 0,2% (-36 mila). Il calo degli ocupati riguarda sia i lavoratori dipendenti (-26 mila) sia gli assunti a tempo indeterminato (21mila in meno). Su base annua, tuttavia, l'occupazione cresce dello 0,9% (+192 mila persone occupate) e il tasso di occupazione di 0,6 punti.

Crescono inattivi
Il dato del calo degli occupati si spiega anche con la crescita degli inattivi. Dopo la crescita di luglio (+0,6%) e il calo di agosto (-0,6%) la stima degli inattivi tra i 15 e i 64 anni aumenta a settembre dello 0,4%: +53mila persone. Il tasso di inattività è pari al 35,8%, in aumento di 0,2 punti percentuali. Su base annua l’inattività è però in calo dello 0,3% (-39mila persone) e il tasso resta invariato.