Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/esplosione-in-fabbrica-fuochi-pirotecnici-barese-eee4cc6a-a2ec-4f5e-9aa0-9e5487d0ee31.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Le vittime lavoravano ai giochi pirotecnici per le feste patronali

Bari, esplode fabbrica di fuochi d'artificio: sei morti e cinque feriti gravi

L'esplosione ieri nello stabilimento della ditta Bruscella sulla provinciale 92 a Modugno.  La Cgil: "Rafforzare i controlli"

Condividi
Modugno (Bari)
Momenti di terrore a Modugno, in provincia di Bari, per una serie di violente esplosioni nella sede di una ditta, la Bruscella Fireworks, che produce fuochi pirotecnici. Il bilancio è di sei morti e una decina di feriti, cinque dei quali gravi. Il primo boato è stato avvertito a diversi chilometri di distanza. La zona è stata completamente isolata e interdetta per consentire agli artificieri di intervenire

Esplosioni a catena per un'ora
Secondo le prime ricostruzioni una prima esplosione è avvenuta durante le operazioni di trasbordo dei fuochi d'artificio da una casamatta in un furgone, per trasportarli a Cassano delle Murge (Ba) per una festa patronale. La deflagrazione ha innescato una serie di esplosioni a catena nelle costruzioni e nei depositi di materiale pirotecnico.  Dopo la prima esplosione le deflagrazioni sono proseguite per un'ora, mentre vari roghi si sono sviluppati nei dintorni minacciando anche un boschetto. I vigili del fuoco sono dovuti intervenire chiedendo anche l'assistenza di due aerei Canadair. 

Al lavoro per varie feste patronali
Nell'edificio c'erano una quindicina di persone. Gli operai stavano preparando i fuochi d'artificio per varie feste patronali e si lavorava a pieno regime. Tra le vittime ci sono lavoratori italiani e alcuni stranieri, due indiani e un albanese. Una decina i feriti, cinque quelli gravi. Tra loro anche uno dei titolari della ditta, Michele Bruscella, di 43 anni, che ha ustioni sull'85% del corpo ed è ricoverato nel centro grandi ustionati di Brindisi. Anche due suoi fratelli, co-titolari dell'azienda, Antonio e Vincenzo, erano in fabbrica al momento dell'esplosione: il primo è rimasto illeso, l'altro ha riportato ferite lievi. Illesa anche un'altra sorella, Angela, che lavorava nell'amministrazione, ma tra le vittime ci sarebbe suo marito che si trovava lì per caso.

Fabbrica distrutta
La serie di esplosioni a catena ha causato il crollo della fabbrica, che è andata completamente distrutta e ci sono volute ore perchè fossero raggiungibili i corpi carbonizzati degli operai. Lo spostamento d'aria ha investito anche un vicino centro sportivo dove una settantina di bambini partecipavano ad un campo estivo. Il campo è stata evacuato: sono caduti quadri e alcune suppellettili, ma a parte lo spavento, ai piccoli non è successo niente. 

Il procuratore di Bari: "Ci vorranno 24 ore per entrare nella struttura"
Secondo il procuratore di Bari, Giuseppe Volpe, "ci vorranno almeno 24 ore affinché i vigili del fuoco possano accedere in sicurezza nella struttura, che è crollata". "Solo allora - ha aggiunto - si potrà fare un bilancio delle vittime, che ad ora appare tragicamente alto". 

La Cgil: "Rafforzare la normativa sulla sicurezza"
"Non si può continuare a morire di lavoro - scrivono in una nota la Cgil nazionale, la Cgil Puglia e la Cgil di Bari - Proviamo profonda indignazione per l'ennesima tragedia avvenuta oggi a Modugno e torniamo a chiedere al governo e al Parlamento un intervento legislativo per rafforzare le norme sulla sicurezza e intensificare i controlli''. 

Episodio analogo nel 1959
La Bruscella Fireworks, azienda a conduzione familiare, è attiva da generazioni ed è molto nota. Fornisce fuochi d'artificio per le feste di tutta Italia. Nel 1959 era stata completamente ricostruita dopo una esplosione analoga.