Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/eurogruppo-sostegno-a-economia-fino-a-salda-ripresa-poi-riduzione-debito-pubblico-2dfa6c7f-ef9b-43b5-86f1-248b36c11f74.html | rainews/live/ | true
EUROPA

Economia

Eurogruppo: "Sostegno a economia fino a salda ripresa, poi riduzione del debito pubblico"

I ministri delle Finanze dell'Eurogruppo in una nota sottolineano la necessità di sostenere l'economia fino alla fine della crisi sanitaria e che la clausola generale di salvaguardia che sospende il patto di stabilità continuerà fino all'anno venturo

Condividi
"Siamo uniti nel nostro approccio secondo cui fino a quando la crisi sanitaria non sarà finita e la ripresa non sarà saldamente avviata, continueremo a proteggere la nostra economia attraverso il dispiegamento del livello necessario di sostegno fiscale".  E' quanto affermano i ministri delle Finanze dell'Eurogruppo in una dichiarazione approvata durante la riunione sulla risposta di politica economica alla crisi da Covid, sottolineando che "il ritiro prematuro del sostegno deve essere evitato". 

"Una volta che la ripresa sarà saldamente avviata, gli Stati membri della zona euro dovrebbero far fronte all'aumento dei livelli del debito pubblico attuando strategie di bilancio sostenibili a medio termine, ponendo l'accento sul miglioramento della qualità delle finanze pubbliche, sull'aumento dei livelli di investimento e sul sostegno alle transizioni verdi e digitali". 

"Per il momento, e finché prevarrà l'emergenza sanitaria acuta, restano necessarie ampie misure fiscali a tutela dei cittadini e delle imprese", scrivono i ministri. Tuttavia, "una volta migliorata la situazione sanitaria e allentate le restrizioni, le misure fiscali dovrebbero gradualmente spostarsi verso azioni più mirate per promuovere una ripresa resiliente e sostenibile". "Gli Stati membri - inoltre - dovrebbero concentrarsi sulle riforme che promuoveranno gli investimenti privati e aumenteranno la capacità produttiva dell'eurozona". 

L'Eurogruppo poi "prende nota" della proposta della Commissione di mantenere il patto sospeso fino al 2023. Gli stati membri dovrebbero concentrarsi sulle riforme che promuoveranno gli investimenti privati e aumenteranno la capacità produttiva della zona euro", usando anche il Recovery Fund a questo scopo: lo scrivono i ministri dell'Eurogruppo in una dichiarazione. 

L'Eurogruppo "nota l'indicazione preliminare della Commissione Europea che la clausola generale di salvaguardia", che sospende l'applicazione delle norme del patto di stabilità, "continuerà ad applicarsi l'anno venturo". Una volta che la situazione sanitaria sarà "migliorata" e le restrizioni verranno "allentate", le misure di sostegno "dovrebbero gradualmente passare ad azioni più mirate, per promuovere una ripresa resiliente e sostenibile".