Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/fincantieri-monfalcone-lotti-intervenire-subito-facb1fc7-f07d-420a-9b67-0a6e5fa567f6.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Il caso

Caso Monfalcone. Lotti: "Governo valuta intervento d'urgenza per Ilva e Fincantieri"

Dopo il sequestro dello stabilimento Fincantieri di Monfalcone da parte del Tribunale di Gorizia, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Luca Lotti annuncia un provvedimento del governo per far riprendere la produzione che coinvolge oltre  5mila lavoratori

Condividi
"Siamo molto preoccupati per ciò che sta accadendo a Taranto e Monfalcone. Non escludiamo a questo punto un intervento normativo di emergenza". Lo dice il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Luca Lotti, interpellato dall'Ansa sulle notizie provenienti da Ilva e Fincantieri.

Lo stabilimento Fincantieri di Monfalcone annovera 5mila addetti - 1600 sono dipendenti diretti di Fincentieri, 3400 sono invece addetti delle ditte esterne. - e nell'indotto sono coinvolte 3mila aziende. Quattro aree produttive sono state sequestrate e in sette, tra quadri e dirigenti, risultano indagati per gestione illecita di rifiuti. Dell'indagine è titolare la Procura di Gorizia.  L'attività di produzione è stata interrotta da questa mattina. 
L'accusa mossa a Fincantieri  è quella di "gestire rifiuti prodotti da terzi in assenza di autorizzazione". Fincantieri dichiara invece che "è a tutti gli effetti il produttore del rifiuto' in quanto proprietaria del materiale nel momento in cui lo stesso diviene tale, a seguito della sua caratterizzazione'".

Fedriga (Lega Nord): "Intervenire subito"
"La Lega Nord chiama i ministri Guidi e Orlando a riferire in aula sulla situazione di Fincantieri, bloccati dal sequestro del tribunale di Gorizia, e ad attivare ogni canale utile per sbloccare la situazione e riavviare la produzione. In un momento di crisi simile non possiamo accettare che il futuro di migliaia di famiglie sia appeso alla
burocrazia". Questa, la richiesta del capogruppo leghista alla Camera Massimiliano Fedriga, deputato eletto in Friuli Venezia Giulia. 

Il ministro dell'Ambiente Galletti: "Trovare un modo per tutelare ambiente e lavoro"
"Il sequestro di alcune aree del sito Fincantieri di Monfalcone è una decisione della magistratura. E' necessario però trovare subito una strada praticabile che contemperi
la tutela dell'ambiente e le esigenze di giustizia con il lavoro e la possibilità di fare impresa". E' quanto afferma il ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti, che si mantiene " in continuo contatto" con la presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani.

Il comunicato dell'azienda: "Assumeremo con urgenza tutte le tutele possibili"
"Fincantieri, ferma restando l’intenzione di assumere con urgenza tutte le opportune iniziative in sede giudiziaria al fine di ottenere la revoca di detta misura, che considera particolarmente gravosa anche in ragione dei danni che il permanere degli effetti della stessa potrebbe provocare, è costretta, in ottemperanza al predetto provvedimento delTribunale, a disporre a far data da oggi la sospensione dell’attività lavorativa di tutto il personale coinvolto nel ciclo produttivo del cantiere di Monfalcone" si legge in una nota dell'azienda.