Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/germania-strage-brandeburgo-commessa-dal-padre-che-aveva-falsificato-il-green-pass-e-temeva-arresto-e-di-perdere-i-figli-3ce0bc2b-9d59-4cb0-9623-e469003eb377.html | rainews/live/ | true
EUROPA

Germania

Strage di Brandeburgo: commessa dal padre per paura dell'arresto, aveva falsificato il green pass

Aveva falsificato la certificazione della moglie e la cosa era stata scoperta dal datore di lavoro della donna.  L'uomo temeva che, dopo l'arresto, avrebbe perso i figli

Condividi

Aveva falsificato la certificazione di vaccinazione anticovid della moglie e ora temeva di essere incarcerato e che per questo motivo fossero levati i figli a lui e alla madre. È questo il movente, spiegato in una lettera d'addio trovata in casa, che ha spinto l'insegnante di 40 anni a uccidere tutta la famiglia in Germania, prima di togliersi la vita. Lo scrive la Dpa, che cita il procuratore che si occupa dell'inchiesta. Sabato erano stati trovati i cadaveri della coppia e dei tre figli in una casa del Brandeburgo, con ferite da taglio e da proiettili.

La falsificazione del certificato vaccinale era stata scoperta dal datore di lavoro della donna e la coppia temeva di poter incorrere in seri problemi con la legge. I due genitori erano inoltre angosciati dall'idea che le autorità giudiziarie potessero levare loro i figli, secondo quanto si legge nella lettera di cui ha riferito il procuratore Gernot Bantelon. Per questo motivo, il padre avrebbe ucciso a colpi di proiettile i bambini di 4, 8 e 10 anni, la moglie e poi si sarebbe suicidato. In casa è stata trovata una pistola, ma non è confermato che sia l'arma del delitto.