Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/gina-lollobrigida-tutore-raggiri-circonvenzione-d4e6da92-747f-4f44-b838-204853d2cab6.html | rainews/live/ | true
SPETTACOLO

La necessità di proteggere il patrimonio della "Bersagliera"

Gina Lollobrigida, confermato il tutore di sostegno: "Molto amareggiata, ma non mi rassegno"

La diva era stata convocata a luglio del 2020 nell'ambito dell'inchiesta sulla presunta circonvenzione di incapace 

Condividi
Gina Lollobrigida- 94 anni e famosa "bersagliera" del film "Pane amore e fantasia"- ha bisogno di un tutore di sostegno. Così ha deciso la Cassazione respingendo il ricordo della diva contro il figlio Andrea Mirko Skofic, con il quale l'attrice ha sempre avuto rapporti molto difficile. 
Pur escludendo una situazione di "infermità mentale derivante da patologie psichiatriche", i periti medici hanno evidenziato "un indebolimento della corretta percezione della realtà" e uno stato di "vulnerabilità" che rende"possibile l'altrui opera di suggestione".

Le reazioni
"La signora Lollobrigida è molto amareggiata e non si rassegna a una decisione che ritiene dannosa e profondamente ingiusta oltre che lesiva della sua dignità", sottolinea l'avvocato Filippo Maria Meschini che ha appena parlato con l'anziana attrice che, a quanto racconta illegale, passa le sue giornate a dipingere, in compagnia del suo amato pastore tedesco, Da quando è scoppiata la pandemia,l'anziana attrice - che ha in corso un processo nel quale è vittima di un 'factotum' accusato di volersi approfittare di lei e della sua disponibilità economica -  ha evitato la "mondanità"per motivi di sicurezza. La 'Lollo', prosegue l'avvocato Meschini, "è una convinta sostenitrice dei vaccini", la sua vita attuale "è tranquilla e riservata", mantiene intatta la sua proverbiale "verve" da 'Bersagliera'.

La storia 
La diva convocata a luglio del 2020 nell'ambito dell'inchiesta sulla presunta circonvenzione di incapace che avrebbero ordito ai suoi danni l'ex amministratore delle società della donna e un ristoratore che si sarebbe improvvisato intermediario per vendere circa 350 opere.
La battaglia legale con il figlio va avanti dal 2017. I suoi ultimi anni sono stati un susseguirsi di battaglie legali. Tristi vicende che non oscurano il mito di una star che col suo fascino ha fatto innamorare pure Fidel Castro.