Original qstring: refresh_ce | /dl/archivio-rainews/articoli/green-pass-europa-obbligo-vaccino-a226205e-917a-4b7d-af95-48638c4bee2a.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Eventi sportivi, concerti ma anche palestre bar e ristoranti

Il green pass obbligatorio ha un largo sostegno in Europa

I risultati  riscontrati negli Stati Uniti sono lo specchio di quelli europei. In negativo i numeri che arrivano dalla Russia

Condividi
Il passaporto vaccinale - o meglio il GreenPass, com'è noto in Italia - riscuote sostanzialmente un largo sostegno in Europa, stando ad un recente sondaggio YouGov citato dal Guardian. Si tratta del progetto annuale "YouGov-Cambridge GlobalismProject" secondo cui la maggioranza degli interpellati, in tutti i 10 paesi europei presi in considerazione dal campione, appoggiano l'idea del passaporto vaccinale obbligatorio per eventi affollati. Per quanto riguarda invece l'accesso a bar, ristoranti e palestre, un maggior numero di interpellati risulta favorevole rispetto a chi vi si oppone, non per tutti i 10 Paesi ma per la gran parte di questi.

La ricerca di YouGov evidenzia che il sostegno al  passaporto vaccinale per entrare a grandi eventi sportivi o concerti raggiunge il 57% in Francia, il 59% in Germania, il 62% % in Italia e il 64% in Spagna e Gran Bretagna mentre in Polonia scendiamo al 45%. Fuori dall'Europa il sostegno al GreenPass è del 51% negli USA e del 69% in Australia.
Un sostegno più basso, ma ugualmente sostanziale, lo si ha nel sostegno del passaporto  vaccinale per altre attività come viaggi, bar, caffè e palestre con una variazioni di percentuali che va dal 41%, in Germania e Regno Unito, fino al 56% dell'Italia.

I risultati  riscontrati negli Stati Uniti sono lo specchio di quelli europei. In negativo i numeri che arrivano dalla Russia dove c'è un basso sostegno al passaporto vaccinale in tutti i casi tranne che per i viaggi all'estero.

Allo stesso tempo però dall'indagine emerge inoltre una frustrazione crescente nei cittadini, sia verso la performance dei governi nell'affrontare la pandemia, sia rispetto alle restrizioni anti-covid in generale.