Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/guy-verhofstadt-candidato-alde-liberali-commissione-europea-b2dbc6bc-ce50-411a-9564-3042e6b3a2ed.html | rainews/live/ | true
MONDO

In patria l'ex premier belga è soprannominato "baby Thatcher"

I liberali scelgono Guy Verhofstadt

Il leader di Alde, la lista liberal-democratica: "L'unione bancaria è la prima cosa da fare" per uscire dalla crisi in Europa. La sfida dell'Europa che nascerà dalle urne? "Dare risposte che facciano dimenticare il populismo ed il nazionalismo"

Condividi
Guy Verhofstadt (Ansa/Claudio Peri)
Un' Europa liberale e federale per uscire dalla crisi, rilanciare crescita e occupazione e combattere sia i facili populismi sia le soluzioni sterili di destra e sinistra. Così Guy Verhofstadt (Alde) ha presentato il simbolo e i partiti che aderiscono a 'Scelta Europea', la lista che lo sosterrà nella corsa per le Europee e per la candidatura alla presidenza della Commissione. 

Ex premier belga e giurista, Verhofstadt è diventato a 29 anni il più giovane leader di partito nel Paese. Inizia la sua carriera politica nell’Unione degli studenti liberali fiamminghi, di cui diviene presidente nel 1972. Dal 1976 al 1982 è membro del Consiglio comunale di Ghent. Dal 1978 al 1995 ricopre la carica di parlamentare presso la Camera dei rappresentanti. Fu stretto collaboratore di Willy De Clercq, commissario europeo negli anni ottanta. In patria è stato soprannominato "baby Thatcher", per la sua ammirazione giovanile verso la lady di ferro. Nel 1999 diventa il primo premier liberale belga in 61 anni e ne guiderà l'esecutivo fino al 2007, quando nel Paese si apre una lunga crisi e il ritorno alle urne nel 2008. 

Nel 2009 Verhofstadt è stato eletto al Parlamento europeo ed è diventato presidente del gruppo Alde (qui il sito ufficiale) Nel 2010 è tra i fondatori del Gruppo Spinelli (dal nome del nostro Altiero Spinelli, fondatore del Movimento Federalista Europeo e considerato da molti il padre fondatore dell’integrazione degli Stati del vecchio continente). A far parte di Alde ci sono anche due partiti italiani, Scelta Civica di Mario Monti e i Radicali di Emma Bonino. 



È la seconda volta che Verhofstadt cerca di diventare presidente della Commissione Europea: nel 2004 è stato bloccato da Londra perché ritenuto troppo federalista. 
Sposato con due figli, l'ex premier belga ha scritto molti libri sull'Unione Europea, tra cui uno dal titolo "Gli Stati Uniti d'Europa".