#Libya Parl. holds session w/ quorum, votes against unity Gov. 1 MP protests against vote, says was not on agenda. pic.twitter.com/hciSAWHyN6

— Rana Jawad (@Rana_J01) 22 agosto 2016
Vicepresidente Tobruk: illegale voto su governo L'ordine del giorno della seduta di oggi del Parlamento di Toburk "è stata cambiato all'improvviso" e quindi il voto che ha rifiutato la fiducia al governo di unità nazionale di Fayez al Sarraj "è illegale". Lo ha detto il vicepresidente della Camera dei rappresentanti di Tobruk, Ihmid Houmah, al sito Al Wasat, spiegando che l'ordine del giorno era per consultazioni tra deputati.">
Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/libia-camera-dei-rappresentanti-di-tobruk-boccia-il-governo-unita-di-sarraj-37890016-51ee-486f-b6ce-e6894a7fc98d.html | rainews/live/ | true
MONDO

Libia, la Camera dei Rappresentanti di Tobruk boccia il governo d'unità di Sarraj

Condividi
La Camera dei Rappresentanti di Tobruk (Hor) ha bocciato il governo unitario libico sostenuto dall'Onu. La sessione era presieduta dal 'falco' Aguila Saleh.  Il portavoce della Camera Abdullah Ablahig, ha precisato che i deputati presenti alla sessione erano 101: 61 hanno votato contro la fiducia al premier designato Fayez al Sarraj e 39 si sono astenuti. Il risultato della votazione è stato pubblicato anche dal sito web della Camera dei rappresentanti libica.

Il governo di accordo nazionale è stato nominato dal Consiglio presidenziale libico, a sua volta nato dagli accordi firmati a Skhirat, in Marocco, lo scorso 17 dicembre 2015. Da allora il parlamento libico con sede a Tobruk, riconosciuto dalla comunità internazionale, non è riuscito a votare la fiducia ai ministri del nuovo esecutivo, nonostante oltre 100 deputati su 200 abbiano firmato nei mesi scorsi un documento a sostegno del premier Sarraj. Ad opporsi sono i deputati fedeli al presidente del parlamento Aguila Saleh, al generale Khalifa Haftar, comandante dell'autoproclamato Esercito nazionale libico (Lna), e all'entità governativa libica "orientale" non riconosciuta guidata da Abdullah al Thani, che si riunisce ad al Bayda, piccola città a metà strada fra Tobruk e Bengasi.

Il presidente egiziano Abdel Fattah Sisi, intanto, conferma l'appoggio egiziano alla camera dei rappresentanti (Hor) di Tobruk e al generale Khalifa Haftar in un'intervista ai principali quotidiani egiziani pubblicata oggi. "I libici siano tranquilli perché l'esercito egiziano fa fronte a qualsiasi pericolo dalla caduta di Gheddafi a oggi". Il sostegno all'esercito libico di Haftar è motivato dalla fuga di elementi dell'Isis in Libia dopo le sconfitte in Iraq e Siria. Sisi ha rilasciato l'intervista ieri, alla vigilia della bocciatura del governo Sarraj da parte di Tobruk.

ll "sostegno al governo di unità nazionale in Libia si sta sgretolando a causa delle crescenti difficoltà nel Paese", aveva affermato l'inviato delle Nazioni Unite Martin Kobler in un'intervista pubblicata, qualche giorno fa,  dal giornale svizzero Neue Zercher Zeitung. "Il governo di unità nazionale (Gna) impone difficilmente la sua autorità in un paese con profonde rivalità politiche e militari e la moltiplicazione dei blackout e la svalutazione della moneta locale penalizza le importazioni di beni di prima necessità", ha aggiunto. Secondo Kobler "non c'è alternativa al Gna". Anche se, ha ammesso, "il governo ha perso parte della sua popolarità".







Vicepresidente Tobruk: illegale voto su governo
L'ordine del giorno della seduta di oggi del Parlamento di Toburk "è stata cambiato all'improvviso" e quindi il voto che ha rifiutato la fiducia al governo di unità nazionale di Fayez al Sarraj "è illegale". Lo ha detto il vicepresidente della Camera dei rappresentanti di Tobruk, Ihmid Houmah, al sito Al Wasat, spiegando che l'ordine del giorno era per consultazioni tra deputati.