Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/malta-omidicio-giornalista-governo-offre-1-milione-di-euro-per-informazioni-f7cbcabf-365c-4379-8f50-07febc4ec83d.html | rainews/live/ | true
MONDO

Polizia indaga su auto sospetta vicino luogo esplosione

Malta, omicidio giornalista anticorruzione: Governo offre 1 milione di euro per informazioni

Il governo maltese  garantisce che a chiunque si farà avanti con informazioni utili verrà data totale protezione

Condividi
Un milione di euro. E' la 'taglia' che il governo maltese offre, con una "mossa senza precedenti", a chiunque porterà informazioni che conducano all'identificazione dei responsabili dell'assassinio di Daphne Caruana Galizia. Lo rende noto un comunicato del governo de La Valletta. "Questo è un caso di estrema importanza e richiede misure straordinarie e giustizia deve essere fatta, a qualsiasi costo", aggiunge la nota spiegando che le informazioni possono essere passate alla polizia anche "confidenzialmente". Il governo maltese - secondo quanto riportano i media locali - garantisce che a chiunque si farà avanti con informazioni utili verrà data totale protezione.

Proseguono le indagini
La polizia di Malta intanto sta indagando sulla presenza di un'auto "sospetta" vista vicino al luogo dell'esplosione nella quale è rimasta uccisa la giornalista. Lo riferiscono fonti locali alla Dpa, spiegando che il veicolo è stato visto in un punto panoramico nel mezzo di una stradina di campagna che si affaccia sulla strada dove la 53enne è stata uccisa, a pochi metri di distanza dalla sua abitazione di Bidnija.

Parlando a condizione di anonimato, le fonti della polizia hanno dichiarato che la persona nell'auto è sospettata di essere stata quella che ha azionato il detonatore del dispositivo esplosivo sotto l'auto della giornalista. La scientifica ha chiuso la zona in cui stata avvistata la macchina e sta raccogliendo prove da inviare per il test del Dna. La polizia sta inoltre cercando di stabilire il legame tra gli esplosivi utilizzati nell'omicidio della giornalista ed il caso di altre cinque autobombe esplose negli ultimi 18 mesi.