Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/malta-prende-90-migranti-motovedette-italiane-e0c1004a-270b-4926-99ef-058bd010a832.html | rainews/live/ | true
EUROPA

Concluso lo stallo

Malta prende i 90 migranti su motovedette italiane

Condividi
Un pattugliatore maltese si è avvicinato in serata alle due motovedette della Guardia Costiera italiana poco fuori dalle acque maltesi con 90 migranti soccorsi nella notte ed ha comunicato l'intenzione di prendere a bordo le persone salvate, ponendo così fine allo stallo. Al termine delle operazioni le autorità italiane hanno reso noto che il trasbordo si è concluso e che le unità navali possono tornare a Lampedusa.

Concluso trasbordo
"È appena terminato il trasbordo dei naufraghi, in prossimità delle acque territoriali maltesi, dalle due motovedette della Guardia Costiera italiana al pattugliatore maltese per il successivo sbarco nel place of safety individuato dalle autorità competenti". Così la Guardia costiera sul soccorso di 90 migranti avvenuto "in area di responsabilità Sar maltese". Le motovedette rientreranno a Lampedusa. 

Presidente maltese: migranti saranno redistribuiti
Il nodo dei 90 migranti soccorsi dalla Guardia Costiera italiana in acque Sar maltesi "è stato risolto". Lo ha detto il presidente maltese, George Vella, al canale Television Malta. I migranti, ha detto Vella a margine dell'incontro avuto oggi con il presidente della Repubblica italiano, Sergio Mattarella, saranno redistribuiti tra diversi Paesi."Durante l'incontro - ha spiegato Vella -  siamo stati informati che il problema era stato risolto, e un certo numero di Paesi ha accettato la redistribuzione". "È importante", ha aggiunto riferendosi al braccio di ferro tra Roma e La
Valletta, che i due Paesi vicini "non perdano tempo in polemiche, ma, piuttosto, uniscano le forze per spingere i Paesi europei a prendere decisioni nell'interesse dell'Europa del sud".

La delegazione maltese, inoltre, ha invitato il ministro degli esteri, Luigi Di Maio, presente all'incontro, "a visitare l'isola alla prima occasione e discutere con il suo omologo".