Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/maltempo-sospesi-alcuni-collegamenti-per-le-eolie-meno-19-gradi-sui-rilievi-alto-adige-a5ff610d-8e41-4a88-b43b-62d304cc5dd6.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Allerta rossa su Calabria e Basilicata

Temporali e neve: cede manto stradale ad Alcamo, in Sicilia. In Lombardia, chiuso passo Mortirolo

In Piemonte - sulla strada statale 24 del Monginevro - stop ai mezzi superiori alle 26 tonnellate. Alcuni collegamenti sospesi per le isole Eolie. Interrotti i collegamenti con le isole del Golfo di Napoli

Condividi
Scatta nell'odierna giornata domenicale l'allerta rossa per il maltempo su parte della Calabria e della Basilicata; allerta arancione su settori di Campania, Basilicata e Calabria; allerta gialla su Umbria e Lazio, sui restanti settori di Campania, Basilicata e Calabria, e su parte di Abruzzo, Molise, Sicilia e Toscana. È quanto comunicato dalla Protezione Civile, precisando che sono previste precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, sui settori tirrenici di Campania, Basilicata e Calabria settentrionale.

I fenomeni saranno di forte intensità, con frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. In molte zone si registra anche un importante calo delle temperature.

Cinisi, (Palermo): grosso masso si stacca da costone, sgomberate alcune villette
Un grosso masso si è staccato dal costone roccioso di Monte Pecoraro a Cinisi ed è finito davanti a una villetta che si trova in via Casimiro Abbate, una lunga strada che costeggia l'autostrada Palermo-Mazara del Vallo. Stanno intervenendo i Vigili del Fuoco e i volontari della Protezione Civile. 

Dopo la prima ricognizione sono state sgomberate due villette interessate dalla caduta del grosso masso. Si sta attendendo l'arrivo degli speleologi per verificare le condizioni del costone roccioso di monte Pecoraro e verificare se via sia o meno rischio di altre frane. Nella zona ci sono oltre ai Vigili del Fuoco anche gli agenti della Polizia Municipale e i Carabinieri. Si sta procedendo a verificare il rischio di altri crolli.

A causa del cedimento stradale, è temporaneamente chiuso il tratto lungo la strada statale 113 Settentrionale Sicula dal km 333,900 al km 335,000, in entrambe le direzioni, ad Alcamo, all’interno del libero consorzio comunale di Trapani. Deviazioni per chi procede in direzione di Calatafimi lungo la SS119 o la A29 a Castellamare del Golfo, mentre in direzione di Palermo uscita obbligatoria a Castellamare del Golfo lungo la strada provinciale o la SS119. Lo riporta Anas.


Campania. A Napoli si apre voragine davanti un condominio, evacuate 40 famiglie. Interrotti i collegamenti con le isole del Golfo. Edicole sono rimaste chiuse per la mancanza dell'arrivo dei giornali 
Gravi danni a causa del maltempo a Napoli dove si è aperta una voragine davanti a un condominio, in via Melloni 11, impedendo ai residenti l'ingresso e l'uscita. Sono 40 le famiglie evacuate dai Vigili del Fuoco attraverso un negozio al piano terra con collegamento all'interno.
 
Interrotti i collegamenti con le isole del Golfo specialmente con Capri flagellata dalla pioggia. Fermi i traghetti della Caremar e gli aliscafi di Alilauro Cruson, della NLG e Snav. Sempre a causa delle condizioni meteo problemi per gli approvvigionamenti alimentari in partenza da Napoli e Sorrento diretti sull'isola. Anche le edicole sono rimaste chiuse per la mancanza dell'arrivo dei giornali. Disagi anche per il personale sanitario e militare che presta servizio sull'isola che non ha potuto effettuare il cambio dei turni di servizio a causa dell'assenza di collegamenti. Decine le chiamate ai Vigili del Fuoco per segnalare allagamenti, alberi pericolanti e la caduta di cornicioni.

Alle Eolie collegamenti sospesi per alcune isole
Alle Eolie da ieri pomeriggio è quasi isolamento. Sulle sette isole soffia vento da sud-sud-ovest e il mare è agitato. Stromboli, Ginostra, Panarea, Alicudi e Filicudi sono isolate. Da Lipari per Vulcano e Milazzo alle 6,30 è partito il traghetto "Isola di Vulcano" della Siremar, mentre dalla Città del Capo alle 8, 30 per Vulcano, Lipari, Salina e ritorno è partito l'aliscafo della Liberty Lines. Nella rada di Lipari si è ancorata la nave cisterna della marnavi, mentre in porto il traghetto che trasporta i rifiuti.

Sindaco di Lampedusa: "Forte vento scardina barche migranti nel porto"
"Con il vento di libeccio che si è abbattuto su Lampedusa, le imbarcazioni utilizzate dai migranti, lasciate all'interno del porto, stanno creando ancora una volta danni alle infrastrutture ed all'ambiente. Non è possibile che l'Ufficio delle Dogane continui a far trascorrere settimane o addirittura mesi prima di rimuovere e smaltire quelle barche". Lo dice Totò Martello, sindaco di Lampedusa e Linosa. "Chiediamo interventi urgenti per evitare ulteriori danni ambientali ed infrastrutturali dentro e fuori il porto, per non parlare dei rischi per le altre imbarcazioni ormeggiate nell'area portuale - aggiunge -. Chiediamo anche un indennizzo per tutti i relitti affondati o fatti affondare nel nostro mare, creando danni ai pescherecci e rischi per i pescatori. Il Comune non ha competenza per potere intervenire, e comunque non avrebbe strumenti e risorse. L'Ufficio delle Dogane ed il ministero dell'Interno intervengano immediatamente anche perché - conclude Martello- le previsioni danno vento di libeccio ancora più forte nelle prossime ore, ed i danni provocati dalle imbarcazioni potrebbero essere molto gravi".

In Alto Adige -19° sui rilievi
In Alto Adige è arrivato l'inverno. Prima domenica d'Avvento caratterizzata da un brusco calo delle temperature e da forti nevicate. In alta montagna la colonnina di mercurio è scesa anche fino a -19 gradi e sono caduti fino a 40 centimetri. Fiocchi bianchi anche già a 500 metri.Nella prima domenica di apertura dei tradizionali Mercatini di Natale dopo la sospensione di un anno a seguito della pandemia - quest'anno ingressi contingentati e con rilascio di un braccialetto previo controllo del green pass ai varchi - la provincia più settentrionale d'Italia si è risvegliata con un paesaggio prettamente natalizio.

A Riva di Tures, località turistica della Valle Aurina, sono caduti 24 centimetri di neve, a Pennes 22, a Casere 17 e a Nova Ponente 15. Una decina di centimetri è caduta a San Candido. Alle prime luci del giorno alla stazione nivometeorologica posta ai 3.328  metri di Cima Beltovo sopra l'abitato di Solda la colonnina di mercurio è scesa a -19 gradi. Freddo anche ai 3.399 metri dell'anticima di Cima Libera con -17,5 gradi.

Ad eccezione di Bolzano, Merano e nei centri della Bassa Atesina, nelle altre località altoatesine la temperatura è preceduta da segno negativo. Non vengono segnalati disagi alla circolazione. Chiuso per motivi di sicurezza il passo Pennes mentre vige già alcune settimane la chiusura invernale per i passi Stelvio, Rombo, Erbe e Stalle. Al valico del Brennero le corsie dell'autostrada A22 sono bagnate. 

Piemonte, stop a mezzi superiori a 26 tonnellate su SS24; -30,1° sul Monte Rosa
Venti di foehn dalle vallate alpine fino alle pianure, da domenica, in Piemonte, con nevicate sulle creste di confine, in particolare con la Francia, dove lo zero termico scende a 600-700 metri. Sono le conseguenze della depressione di origine polare marittima che si è portata sul Mediterraneo occidentale.

Gelate notturne e minime già invernali in montagna: la rete di stazioni meteo di Arpa (Agenzia regionale per la protezione ambientale) ha registrato - 30.1 sul Mote Rosa, -14,2 a Sestriere, -12,7 gradi a Formazza (VCO), -10,5 al Lago Paione, nel territorio di Bognanco (VCO), -8.8 alla stazione Pranudin di Bardonecchia; raffiche di vento a 60 km a Susa (Torino). Vento anche a Torino. Per il maltempo sulla strada statale 24 'del Monginevro', il tratto Cesana -Claviere - informa Anas - è provvisoriamente chiuso ai mezzi pesanti con una massa superiore alle 26 tonnellate; analogo provvedimento in Francia sulla Route Nationale 94.

Lazio, criticità idrogeologica gialla da stasera e per le prossime 24-30 ore e neve
Dalla tarda serata di oggi e per le successive 24-30 ore si prevedono sul Lazio: "venti da forti a burrasca Sud-occidentali sui settori costieri e mareggiate lungo le coste esposte. Si prevedono poi precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, con quantitativi cumulati da deboli a moderati, specie sui settori costieri meridionali". È quanto ha scritto il Centro Funzionale Regionale rendendo noto che il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso per oggi l'avviso di condizioni meteorologiche avverse.

Il Centro Funzionale Regionale ha effettuato la valutazione dei livelli di allerta/criticità e ha pertanto inoltrato un bollettino con allerta gialla per criticità idrogeologica su tutte le zone di allerta del Lazio e criticità gialla per vento su bacini costieri Nord, bacini di Roma e bacini costieri Sud.

Inoltre dalla tarda serata di oggi e per le successive 24-30 ore si prevedono sul Lazio orientale e meridionale precipitazioni nevose mediamente al di sopra dei 700-900 metri, in temporaneo abbassamento fino a 600 metri, specie nella prima parte della giornata di domani con apporti al suolo da deboli a moderati. Per questa ragione, il Centro Funzionale Regionale ha inoltrato un bollettino con allerta gialla per neve su Appennino di Rieti, Aniene e Bacino del Liri. La sala operativa permanente della Regione Lazio ha diramato l'allertamento del sistema di Protezione Civile regionale e invitato tutte le strutture ad adottare tutti gli adempimenti di competenza. "Si ricorda, infine- si legge nella nota- che per ogni emergenza la popolazione potrà fare riferimento alle strutture comunali di Protezione civile alle quali la Sala Operativa Regionale garantirà costante supporto".

Lombardia, chiuso passo del Mortirolo per neve e ghiaccio
A causa delle cattive condizioni metereologiche e della formazione di ghiaccio, è stato chiuso il tratto in territorio comunale di Sernio (Sondrio), lungo la strada statale 42dir/a "Passo del Mortirolo" dal km 18 al km 26 in prosecuzione del tratto del Passo già chiuso per la consueta chiusura invernale dal km 5. Lo ha comunicato Anas. L'importante passo alpino, teatro di epiche scalate dei ciclisti al Giro d'Italia, collega la Valtellina alla provincia di Brescia.