Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/mattarella-agli-studenti-sono-vecchio-tra-otto-mesi-riposarmi-171455ec-29ca-488e-8ad0-35187decb982.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Fine del settennato

Mattarella agli studenti di una primaria a Roma: sono vecchio, tra 8 mesi potrò riposarmi

Il capo dello Stato in visita all'Istituto comprensivo Fiume Giallo di Roma parla di democrazia e fine pandemia 

Condividi
"Tra otto mesi il mio incarico termina, come sapete l'incarico di Presidente della Repubblica dura sette anni, io sono vecchio, tra qualche mese potrò riposarmi". Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella rispondendo alle domande di alcuni bambini in una scuola primaria di Roma.

"Quando mi è stato chiesto se ero disposto a essere eletto presidente della Repubblica - ha spiegato Mattarella- mi sono preoccupato perché conoscevo quanto sia impegnativo e faticoso il compito del presidente. Ma ci sono due cose che aiutano: ho chiamato intorno a me dei collaboratori molto bravi che mi aiutano a decidere in modo tempestivo e appropriato. Poi in Italia in base alla nostra Costituzione non c'è un solo organo che decide ma tanti organi diversi, le decisioni sono distribuite tra tante persone".

"Le decisioni che toccano di più la vita dei cittadini - ha detto il Presidente- le prende il governo molte le prende il Governo. Il presidente della Repubblica deve conoscere tutto, seguire tutte le decisioni degli altri per poter eventualmente intervenire con dei suggerimenti. L'attività è impegnativa ma tra otto mesi il mio incarico termina". "È importante aver riaperto le scuole ed essere qui, tutte le scuole ed essere qui per sottolineare la ripresa della vita normale del nostro paese". 

Essere qui in questa scuola mi ha fatto pensare e voglio sottolineare una cosa: pensavo a come è importante aver riaperto le scuole, tutte le scuole, ed essere qui per sottolineare la ripresa della vita normale in Italia". "Adesso i vaccini hanno iniziato a sconfiggere il virus, ma nei mesi scorsi, mentre noi eravamo in casa, le forze dell'ordine erano in giro per garantire il rispetto delle regole e la nostra sicurezza. Nella vita della nostra Italia ci si aiuta, c'è un rapporto di collaborazione e ciò da senso alla nostra vita in comune", ha detto il Presidente all'istituto comprensivo Fiume Giallo-Scuola primaria Geronimo Stilton di Roma, in occasione della presentazione dell'ottava edizione de "Il mio diario", l'agenda scolastica della Polizia di Stato.