Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/medici-coronavirus-emilia-romagna-2e31db5e-c6d6-4a83-934e-5c6a4c238bdc.html | rainews/live/ | true
ITALIA

La lotta all'epidemia

Emilia Romagna, al lavoro i medici asintomatici

La direttiva della Regione: al lavoro i medici asintomatici su base volontaria in aree di massima diffusione

Condividi
In Emilia Romagna i medici positivi al coronavirus ma asintomatici possono tornare al lavoro su base volontaria. L'indicazione contenuta in una direttiva della regione Emilia Romagna è rivolta alle aziende ospedaliere. Si prevede infatti il tampone per screening periodici "con cadenza quindicinale a tutti gli operatori sanitari operanti in aree covid-19 a massima diffusione al fine di definire le dimensioni delle forze lavoro in campo, nell'ottica di proporre, su base volontaristica, la ripresa del lavoro ai soggetti positivi ma asintomatici".

La direttiva, elaborata d'intesa con l'assessore alle politiche per la salute, prevede una modulazione differenziata dell'effettuazione dei tamponi al personale sanitario, sia per numero che per tempi, a seconda che siano in zone ad elevata, moderata o massima diffusione del virus. La logica, "in un'ottica di contingentazione delle risorse - si legge - è quindi quella di definire diversamente da area ad area, da situazione epidemiologica a situazione epidemiologica, le priorità per l'utilizzo dello screening virologico".

La direttiva distingue, dunque, "tre diversi scenari" nella regione con "tre diverse priorità di screening": zone di penetrazione massimale (Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Rimini), zone di penetrazione elevata (Modena, Bologna), zone di penetrazione contenuta (Ferrara, Ravenna, Forli'). Anche nelle aree di elevata penetrazione, si legge, "è razionale sottoporre a screening periodico gli operatori sanitari operanti in aree covid-19 mediante diagnosi diretta, al fine di identificare gli operatori sanitari asintomatici idonee a mantenere l'attività lavorativa". Nelle aree di moderata penetrazione si prevede, invece, il tampone per screening agli "operatori sanitari esposti a pazienti con infezione diagnosticata al fine di definire l'entità della diffusione verticale (da paziente ad operatore) finalizzata a mantenere la maggior parte degli operatori sanitari covid-free e a porre in quarantena gli eventuali contagiati per evitare la diffusione inter-operatori".