Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/migranti-100-lampedusa-sono-quasi-tutti-minorenni-f110f63e-9a2a-474c-94a8-65dd75944f7b.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Erano su una lancia libica alla deriva

Migranti. In 100 a Lampedusa, sono quasi tutti minorenni

Altri 23 sbarcano a Lampedusa, evacuazione medica per 2 dall'hotspot di contrada Imbriacola dove sono oltre 800 gli ospiti a fronte dei 250  posti disponibili. Barchino con 16 si ribalta, cargo li soccorre. Sea watch chiede un porto sicuro

Condividi
Secondo sbarco a Lampedusa, dove all'alba una motovedetta della Capitaneria di porto ha condotto 100 migranti, intercettati su un barchino a 9 miglia dall'isola.

Gli ultimi ad arrivare sono stati 23 migranti, tra cui 6 donne e 2 minori accompagnati. Anche per loro è stato disposto il trasferimento nell'hotspot di contrada Imbriacola.

Intanto nel pomeriggio per due ospiti della struttura è stato necessario il trasferimento in elisoccorso all'ospedale San Giovanni Di Dio di Agrigento.

100 migranti all'alba
Cento migranti sono stati soccorsi, poco prima dell'alba, dalla motovedetta Cp 312 della Guardia costiera a largo di Lampedusa. Si trovavano su una lancia libica di 10 metri che era alla deriva. Nel gruppo 76 minorenni, fra cui 24  non accompagnati, tutti egiziani, ad accezione di un minorenne senegalese. Sono stati portati all'hotspot di contrada Imbriacola dove c'erano 835 ospiti a fronte dei 250 posti disponibili.

Barchino con 16 si ribalta, cargo li soccorre. Sea watch: ora porto sicuro
"Alcune delle persone sono ancora in acqua. Asso Venticinque è finalmente arrivato sul posto e ha iniziato a soccorrerle grazie alla segnalazione di Seabird. Tutti i superstiti hanno diritto a un porto sicuro. Non possono essere respinti illegalmente in Libia". A scriverlo su Twitter è Sea Watch che nel pomeriggio aveva lanciato l'allarme sul ribaltamento di un barchino con 16 persone a bordo. Undici erano riuscite a risalire sulla chiglia, altre 5, invece, erano in mare. Sul posto prima del mercantile era giunta una motovedetta della Guardia costiera libica "visibilmente sovraccarica", aveva spiegato l'ong.