Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/migranti-appello-naufraghi-sea-watch-esausti-fateci-scendere-0ee7a5c4-b801-4dfe-81b5-c4e332bd5912.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Mar Mediterraneo

Migranti, appello dei naufraghi sulla Sea Watch: "Siamo esausti, fateci scendere"

Salvini: "Non sbarca neanche a Natale, l'Italia non si fa dettare la linea da una ong che non rispetta le regole"

Condividi
"Siamo stanchi, siamo esausti. Fateci scendere". È l'appello lanciato dai migranti che da 12 giorni si trovano a bordo della Sea watch al confine con le acque territoriali a 16 miglia circa dall'isola di Lampedusa. Sono 42 le persone a bordo della nave della ong.

In un video, pubblicato da Forum Lampedusa Solidale, uno dei migranti soccorsi in mare, spiega: "Immaginate come deve sentirsi una persona che è scappata dalle carceri libiche e che ora si trova qui, costretta in uno spazio angusto, seduta o sdraiata senza potersi muovere. Inevitabilmente rischia di sentirsi male - dice - Non ce la facciamo più, la barca è piccola e non possiamo muoverci. Non c'è spazio. L'Italia non ci autorizza a sbarcare, chiediamo il vostro aiuto, chiediamo l'aiuto delle persone a terra. Pensateci perché qui non è facile".

Salvini: non sbarca neanche a Natale
"La Sea Watch in Italia non ci arriva,  possono stare lì fino a Natale. In 13 giorni se avessero avuto veramente a cuore la salute dei migranti sarebbero andati e tornato dall'Olanda.". Lo ha detto il ministro dell'interno Matteo Salvini ribadendo che non consentirà alla nave di entrare in acque italiane e aggiungendo che "l'Italia non si fa dettare la linea da una ong che non rispetta le regole".