Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/migranti-lamorgese-giusto-accogliere-ingiusto-che-lo-faccia-solo-italia-90d8ce3e-e7c2-4987-b4e5-52b1e594efd2.html | rainews/live/ | true
EUROPA

Protocollo 'Corridoi umanitari/Evacuazioni per l'Afghanistan

Migranti, Lamorgese: "Giusto accogliere, ingiusto che lo faccia solo l'Italia"

"Quest'estate gli aerei militari hanno portato in Italia circa 5mila afghani. Oggi abbiamo firmato il protocollo d'intesa per farne arrivare altri 1.200 ed io mi auguro che, con l'impegno di tutti, si arrivi a duemila. In un recente incontro internazionale ho notato che non tutti i Paesi europei hanno questa propensione all'accoglienza, al rispetto dei diritti umani", ha detto il ministro dell'Interno

Condividi
"Anche in questi ultimi giorni ci sono interventi di soccorso in mare, navi di Ong cariche di migranti: è giusto salvare queste persone, è ingiusto che a farsene carico sia un solo Paese, il nostro, solo perché di primo approdo". Lo ha detto il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, intervenendo al Viminale alla cerimonia della firma del protocollo d'intesa che consente l'arrivo in Italia di 1.200 afghani bisognosi di protezione internazionale attraverso corridoi umanitari. "E' ingiusto anche perché siamo in pandemia e abbiamo difficoltà organizzative. Di questo - ha aggiunto - ne ho sempre parlato con la commissaria europea Ylva Johansson e lo farò anche in questi giorni. Serve maggiore partecipazione dei Paesi europei per una giusta redistribuzione dei migranti secondo il principio di solidarietà".

 "Quest'estate gli aerei militari hanno portato in Italia circa 5mila afghani. Oggi abbiamo firmato il protocollo d'intesa per farne arrivare altri 1.200 ed io mi auguro che, con l'impegno di tutti, si arrivi a duemila.In un recente incontro internazionale ho notato che non tutti i Paesi europei hanno questa propensione all'accoglienza, al rispetto dei diritti umani. Non sempre l'Europa è presente, non tutti erano d'accordo con l'accoglienza, dicevano 'diamo risorse ma a casa  loro", ha detto il ministro dell'Interno. Il popolo afghano, ha ricordato Lamorgese, "ha sofferto e si è trovato in grandissima difficoltà. L'Italia è un Paese accogliente, abbiamo aumentato i posti nella rete Sai (Sistema di accoglienza e integrazione) proprio perché essa garantisce un percorso di integrazione diverso, con conoscenza della lingua e rispetto delle regole ed il Governo è stato dalla parte del ministero dell'Interno che ha proposto l'iniziativa".

Aprire un canale di ingresso legale per cittadini afghani bisognosi di protezione internazionale provenienti da Pakistan e Iran, ed eventuali altri Paesi di primo asilo o Paesi di transito "è il segnale che l'Italia è un Paese che non si tira mai indietro nell'accoglienza", ha detto il ministro dell'Interno Luciana Lamorgese prima della firma del protocollo che garantirà un nuovo corridoi umanitario per accogliere inizialmente 1.200 migranti provenienti da quelle aree .Il documento firmato al Viminale è la sintesi di un lavoro coordinato dal dipartimento per le Libertà civili e l'Immigrazione del Viminale al quale hanno preso parte i rappresentanti del ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale (Maeci), della Conferenza episcopale italiana, della Comunità di Sant'Egidio, della Federazione delle Chiese Evangeliche, della Tavola Valdese, dell'Associazione ricreativa e culturale italiana (Arci), dell'Istituto nazionale per la promozione della salute delle popolazioni migranti e il contrasto delle malattie della povertà (Inmp), dell'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (Oim) e dell'Alto commissariato delle Nazioni unite per i rifugiati (Unhcr).