Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/ministero-del-lavoro-quasi-due-milioni-italiani-in-smart-working-7b270696-c52d-4dce-aeba-e830159b6332.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Imprese e Pubblica amministrazione

Ministero del Lavoro: quasi due milioni di italiani in smart working

Prima dell'emergenza, lavoravano da casa poco più di 220mila italiani. Il coronavirus fa ripensare l'organizzazione delle attività in chiave 2.0

Condividi
Si avvicina ai due milioni il numero di lavoratori italiani attivi in modalità smart working, secondo il Ministero del lavoro.

L'emergenza Covid-19 ha comportato, rileva il ministero "un radicale e repentino ripensamento dell'organizzazione del lavoro in nome della tutela della salute delle persone all'interno di aziende e Pubbliche Amministrazioni", privilegiando dove possibile il lavoro da remoto. 

A fine aprile complessivamente risultavano 1.827.792 lavoratori in smart working, quasi la totalità (1.606.617 persone) a seguito delle norme sull'emergenza. Prima del coronavirus lavoravano da remoto soltanto 221.175 persone.  

Lo smart working è diventato, osserva il ministero, "una modalità necessaria, sebbene solo fino a qualche mese fa fosse ritenuto un'alternativa ancora sperimentale, una componente parziale di un più ampio processo di digitalizzazione del lavoro".

Alleato di imprese e Pubblica amministrazione
Il lavoro da remoto si rivelando per imprese e per la Pubblica amministrazione "un alleato fondamentale per consentire la continuità delle prestazioni lavorative". Lo dimostra anche "il successo della campagna social #iolavorosmart, lanciata lo scorso 27 marzo dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in collaborazione con il Ministero per la Pubblica Amministrazione, a cui hanno aderito centinaia di cittadini e imprese che hanno condiviso sui social riflessioni e scatti fotografici della propria 'vita da smart worker' tra le mura domestiche".