Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/nigeria-boko-haram-uccide-32-persone-centinaia-rapiti-6408adcd-35ef-4477-bd1c-adf864de805a.html | rainews/live/ | true
MONDO

Attacco nell'est del Paese

Nigeria, ennesima strage di Boko Haram, uccise 32 persone, decine di rapiti

Tra i rapiti ci sono anche molte donne e bambini. Gli ostaggi potrebbero essere un centinaio

Condividi
Repertorio
Nigeria
Nuovo attacco di Boko Haram in Nigeria. Il gruppo che rivendica il rapimento delle 200 ragazze di Chibok ha ucciso 32 persone e ne ha rapite un centinaio, tra cui donne e bambini. 

Decine di dispersi
L'assalto è avvenuto a Gumsuri, villaggio nel nord est del Paese: gli abitanti hanno riferito che stanno ancora cercando di capire quanti di loro siano stati prelevati dai militanti nell'assalto, avvenuto domenica scorsa. Potrebbero esserci oltre cento rapiti. La notizia è stata diffusa solo quattro giorni dopo l'attacco perché la zona non è coperta dala rete mobile e anche perché è difficile da raggiungere per il dissesto della rete stradale. 

L'assalto
Secondo quanto riferito da funzionari locali, il villaggio gode della protezione di una milizia cittadina anti-islamica relativamente efficace, che tuttavia domenica è stata sopraffatta dall'attacco dei Boko Haram. Questo dopo che "per un anno, gli insorti hanno tentato più volte di attaccare Gumsuri, e i giovani del villaggio hanno resistito", ha spiegato la stessa fonte.
 
Gli sfollati di Maiduguri
Intantoi è drammatica la situazione degli sfollati accolti a Maiduguri provenienti dalle aree cadute sotto il controllo di Boko Haram. Si teme che tra i profughi siano nascosti terroristi pronti a colpire nel centro della città. Lo si legge in a una nota inviata all'Agenzia Fides da padre Gideon Obasogie, Direttore delle Comunicazioni della diocesi di Maiduguri: "La situazione degli sfollati non è migliorata, perché le aree dello Stato di Adamawa attaccate in precedenza sono ancora sotto il controllo di Boko Haram" riferisce padre Obasogie. I nuovi attacchi hanno aumentato il numero delle persone rifugiate a Maiduguri e i campi di accoglienza sono ormai saturi.