Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/norman-atlantic-Traghetto-in-fiamme-Guardia-Costiera-incendio-a-bordo-domato-Una-vittima-774015b6-a713-4a22-a3eb-f5d05813ed35.html | rainews/live/ | true
MONDO

Norman Atlantic

Traghetto in fiamme. Guardia Costiera: incendio a bordo domato. Una vittima

Corsa contro il tempo in Adriatico sulla rotta Grecia-Ancona.
La nave è stata rimorchiata al largo dell'Albania. Incubo a bordo. C'è una vittima: è un passeggero greco. Spazzato il cavo traino del rimorchiatore

Condividi
Ap photo
I soccorritori dicono che le fiamme scoppiate a bordo della Nave Italiana Norman Atlantic sono state domate, almeno quelle a vista dall'esterno. Lo rende noto la Guardia Costiera.

Spazzato cavo traino rimorchiatore
Intanto si è spezzato il cavo con cui il rimorchiatore Marietta Barretta era riuscito ad agganciare la prua della nave dopo ore di tentativi. Un nuovo tentativo di agganciare la nave da parte dei quattro rimorchiatori ormai presenti in zona è già in atto. Una volta assicurata ai mezzi di traino, la nave sarà probabilmente portata a Brindisi.  

Mentre la Marina Militare da Twitter aggiorna su soccorsi e recuperi:
Da una parte il fumo denso, dall'altra il freddo gelido di una notte d'inverno in mezzo al mare. Mentre arriva la notizia di un morto, un uomo greco che tentava di salvarsi e invece perde la vita. Questa è la situazione drammatica che vivono ancora poco meno di 300 passeggeri a bordo della Norman Atlantic.

I passeggeri in salvo in Puglia
Circa 190 persone sono state portate in salvo, le altre sono intrappolate su una nave in cui potrebbero esserci ancora focolai, una nave alla deriva in mezzo alla tempesta, mentre il fuoco divampato nel garage rendeva incandescente il pavimento anche ai ponti superiori. E' questo quanto raccontatato dai primi naufraghi del traghetto nell'Adriatico in cui è divampato un incendio il 28 dicembre in mattinata.

I soccorsi
I passeggeri arrivati stanno bene, hanno sintomi da ipotermia e in particolare una bimba di 5 anni ricoverata all'ospedale Perrino di Brindisi. Le operazioni di soccorso andranno avanti per tutta la notte. Il coordinamento dei soccorsi in mare è stato assunto dalla nave San Giorgio.

L'imbarcazione al momento è al largo dell'Albania. I soccorsi stanno arrivando via mare e via aria: del personale dell'aeronautica miliare è riuscito ad arrivare a bordo. Sette persone, di cui 6 donne e 3 minori, sono state trasportate a Galatina; 7 persone, di cui una donna incinta, 2 minori e un ferito, sono stati trasferiti a terra a Brindisi.

Porte taglia fuoco "malfunzionanti"
Nel frattempo sono iniziate le prime polemiche sulla sicurezza: sei problemi sarebbero stati riscontrati nel traghetto ispezionato il 19 dicembre nel porto di Patrasso in Grecia dall'organizzazione internazionale 'Paris Mou'. Tra questi un problema sulle porte taglia fuoco che risultavano sulla scheda dell'ispezione come "malfunzionanti".

Ma l'armatore del traghetto Carlo Visentini ha spiegato che "nel corso dei controlli era stato riscontrato un lieve malfunzionamento" di una delle porte tagliafuoco, che era stato "immediatamente eliminato".