Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/primo-piano-su-autore-festival-pianeta-donna-madrina-Barbara-Bouchet-54f921db-b228-4415-bb02-50d0b1c3ae33.html | rainews/live/ | true
SPETTACOLO

Perugia

"La Donna nel Cinema" alla 39esima edizione di Primo Piano sull'Autore. La madrina è Barbara Bouchet

Condividi
Nardulli, Bouchet, Mariotti
È in corso l'edizione numero trentanove dello storico Festival cinematografico “Primo Piano sull’Autore - Festival Pianeta Donna” - diretto da Franco Mariotti - tornato in Umbria, regione che vanta i natali della manifestazione, al Cinematografo Comunale Sant’Angelo di Perugia. Il tema è: “La Donna nel Cinema: dalla seduzione alla presa di coscienza”.

Madrina del Festival l’iconica Barbara Bouchet, cui viene tributato un omaggio alla carriera. Tra le opere che sono state presentate nel corso della prima giornata il cortometraggio di Caterina Ponti, “Su Càntigu de sas Criaduras de Santu Frantziscu de Assisi”, il “Cantico delle Creature” di San Francesco in lingua sarda; e il giallo cult di Lucio Fulci “Non si sevizia un paperino”, in omaggio alla madrina.

Nelle quattro successive giornate di Martedì 14, Venerdì 17, Lunedì 20 e Martedì 21, saranno programmati i lungometraggi “Miss Marx” di Susanna Nicchiarelli; le Opere Prime “Alice e il paese che si meraviglia” drama-fantasy di Giulia Grandinetti, la crime-comedy “Ostaggi” diretta e interpretata da Eleonora Ivone, e la commedia fantastica “Tutti per Uma” di Susy Laude. Poi, la pellicola che affronta il tema sulla violenza sulle donne “La cintura”, liberamente tratta dall’omonima pièce teatrale di Alberto Moravia, come tributo alla sua regista Giuliana Gamba, della quale sarà presentata anche la  commedia “Burraco fatale”: quindi “Giulia” di Ciro De Caro, storia di una ragazza alla ricerca di stabilità ed equilibrio.

Nella rosa dei documentari e docu-film, “Grazia Deledda, la rivoluzionaria” di Cecilia Mangini e Paolo Pisanelli; “Marina Cicogna - La vita e tutto il resto” di Andrea Bettinetti; “Vitti d’arte, Vitti d’amore” di Fabrizio Corallo; “Alda Merini - Una donna sul palcoscenico” di Cosimo Damiano Damato; “Matrimoni forzati” di Jo Squillo; “La rivoluzione siamo noi - Arte in Italia 1967/1977” di Ilaria Freccia.