Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/protesi-seno-pip-condannato-fondatore-6e02a15e-cf09-49ac-a45f-ebd6a1ea6e8a.html | rainews/live/ | true
MONDO

Impianti mammari

Protesi difettose, condannato il fondatore della Pip

Quattro anni con l'accusa di frode. Avrebbe sostituito il silicone utilizzato a fini medici con un gel industriale, con un maggiore rischio di rottura delle protesi. Secondo alcune stime, in tutto il mondo sarebbero circa 400mila le donne con protesi Pip e oltre 13.500 donne francesi sono state sottoposte negli anni a interventi di rimozione 

Condividi
Una protesi
Marsiglia

Jean-Claude Mas, fondatore della Pip (Poly Implant Prothese), è stato condannato a quattro anni di prigione con l'accusa di frode da un tribunale di Marsiglia nell'ambito dello scandalo per le protesi al seno difettose.    

Secondo quanto stabilito dai giudici, Mas, 74 anni, ha deliberatamente ingannato per anni i consumatori, sostituendo il silicone utilizzato a fini medici con un gel industriale, con un maggiore rischio di rottura delle protesi. Il fondatore della Pip ha ammesso lo 'scambio', che, a suo dire, pero' non ha mai rappresentato un pericolo per la salute. In seguito allo scandalo, le autorita' sanitarie francesi avevano ordinato la chiusura dell'azienda, nel 2010.  

Secondo alcune stime, in tutto il mondo sarebbero circa 400mila le donne con protesi Pip. E oltre 13.500 donne francesi sono state sottoposte negli anni a interventi di rimozione delle protesi dopo la loro rottura.