Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/renzi-consultazioni-napolitano-ceb0710a-c443-427c-9ac2-450a9e6ee707.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Ue: ''fiducia nella volontà dell'Italia di proseguire con le riforme''

Letta, dimissioni irrevocabili. Renzi: 'per me un bel momento'

E' già totoministri. Probabile conferma di Angelino Alfano come vicepremier. Lucrezia Reichlin potrebbe occupare la casella dell'Economia. Consultazioni nel pomeriggio e domani. Nessuna parlamentarizzazione della crisi

Condividi


Enrico Letta ha comunicato le sue dimissioni irrevocabili al capo dello Stato Giorgio Napolitano. Poco prima ha salutato i ministri con un brindisi e inviato un tweet di ringraziamento: ''grazie a tutti quelli che mi hanno aiutato, ogni giorno come se fosse l'ultimo''. Al Quirinale è giunto da solo.
Il capo dello Stato Giorgio Napolitano darà il via alle consultazioni per il conferimento del nuovo incarico - come tutti si aspettano, a Matteo Renzi - già nel pomeriggio. Consultazioni che dovrebbero chiudersi domani, in modo che già all'inizio della settimana prossima il segretario Pd possa presentarsi in Parlamento per il voto di fiducia.
La crisi del governo Letta è restata dunque di natura extraparlamentare, con le dimissioni che sono giunte senza una sfiducia delle Camere.
''Per me è un bel momento, ho senz'altro bisogno di auguri''. Matteo Renzi commenta così una giornata che lo avvicina sempre di più alle porte di Palazzo chigi.

Il sì dei mercati, la fiducia della Commissione Ue
In mattinata arriva il ''placet'' della Commissione Europea, con un comunicato. ''Fiducia nella volontà dell'Italia di prosueguire sul terreno delle riforme''. Anche i mercati, con Piazza Affari in crescita sembrano assecondare le evoluzioni del quadro politico italiano.

Il totoministri: conferme e volti nuovi
Angelino Alfano potrebbe restare al governo, come vicepremier, confermando il ruolo del Nuovo Centrodestra nella maggioranza. Vittorio Colao, attuale amministratore delegato di Vodafone è in corsa per la casella dello Sviluppo Economico. Lucrezia Reichlin - economista di fama internazionale e gradita al Colle - potrebbe sedersi sulla sedia che fu di Quintino Sella, al ministero dell'Economia. Maria Elena Boschi - attualmente nella segreteria del Pd - potrebbe occuparsi delle Riforme Istituzionali. Lo scrittore Alessandro Baricco è in lizza per la Cultura. Il fondatore di Eataly Oscar Farinetti è dato tra i papabili per il dicastero delle Politiche Agricole. Smentite le voci che davano il presidente della Camera Laura Boldrini pronta a lasciare Montecitorio per il governo.