Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/sassoli-europa-leader-cambiamento-climatico-7639b9bd-897e-4cc9-a9ef-d3a1c688fec8.html | rainews/live/ | true
AMBIENTE

Equologica 2020

Sassoli: l'Europa vuole essere leader nella lotta al cambiamento climatico

Il presidente del Parlamento europeo: vogliamo far crescere l'ambizione globale, e stiamo dando il buon esempio per raggiungere una meta: diventare il primo continente neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050. Questo è l'obiettivo comune

Condividi
L'Unione europea vuole essere leader nella lotta ai cambiamenti climatici. Lo ha detto il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, intervenendo all'evento online Equologica 2020, l'assemblea che segna l’avvio di una rete tra esperienze di sinistra, ecologiste e civiche. 

"Il Covid non ci ha fatto dimenticare le emergenze verso le quali le nostre società vanno incontro, prima fra tutte quella climatica", ha affermato ancora ricordando che "l'Unione europea, gli Stati membri, le città, i cittadini, le comunità, le nostre regioni si sono messe in moto, si sono impegnati in modo che il problema del cambiamento climatico e del degrado ambientale divenissero una priorità dell'agenda politica europea, e speriamo anche nazionale".

Sassoli ha sottolineato l'impegno dei giovani che "hanno dato una spinta decisiva perché in tutto il mondo hanno sentito su di loro la responsabilità di quanto sta succedendo nel nostro Pianeta". L'Ue, ha aggiunto, "si è schierata in prima linea nella lotta contro il cambiamento climatico ed oggi continuiamo a farlo".

Il Green Deal
"Il Green Deal europeo è la nostra lettura della contemporaneità. Vogliamo far crescere l'ambizione globale, e stiamo dando il buon esempio per raggiungere una meta: diventare il primo Continente neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050. Questo è l'obiettivo comune. Vogliamo essere all'avanguardia e questo dobbiamo farlo per i nostri cittadini, per le generazioni future, vogliamo assumere la leadership mondiale nella lotta al cambiamento climatico. Il Green Deal e Next Generation Ue sono oggi le nostre opportunità per andare nella direzione che abbiamo indicato, vogliamo correre perché avvertiamo l'esigenza di un mondo che sia più sano, più pulito, ma anche e sopratutto più giusto".  

Affrontati nel corso dell'iniziativa temi chiave come uscire dalle crisi ecologica e sociale, per reagire al declino dell'Italia e costruire un futuro migliore per tutti e tutte. Dall'Europa, fino agli insegnamenti della pandemia, passando per la libertà femminile, la lotta ai cambiamenti climatici e alle diseguaglianze. 

L'Italia assuma ruolo di guida
"L'Italia assuma leadership mondiale in lotta a cambiamento climatico" “In questi mesi abbiamo fatto i conti con un nemico invisibile e potente, che non ha bussato ma è entrato direttamente nelle nostre case, nei nostri posti di lavoro, che ha messo in difficoltà i nostri modelli e stili di vita, che ha fermato il Pianeta. Nella drammaticità della situazione però il Covid-19 ci ha permesso anche di affrontare dei temi e delle riflessioni che erano nell’agenda di tutti gli Stati che avevano bisogno di una spinta per cercare risposte adeguate ed anche la convinzione che un forte cambiamento fosse necessario. Nelle drammaticità delle situazioni che ci troviamo a vivere e che stiamo ancora vivendo, abbiamo saputo cogliere delle opportunità per ripensare il nostro modello sociale ed economico, in una chiave più verde, più equa, più giusta. Naturalmente di rafforzamento del modello sociale, perché è un po’ la nostra carta di identità .