Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/senato-usa-condanna-torture-cia-inefficaci-rapporto-61461c8a-9ac6-4540-a932-4ddbf5cdb7ee.html | rainews/live/ | true
MONDO

Interrogatori con metodi durissimi

Il rapporto del Senato Usa sulla Cia "Torture brutali e inefficaci"

Nel rapporto diffuso dalla commissione di intelligence si legge: "Tra i detenuti molti sono stati arrestati per sbaglio". Obama: "Metodi incompatibili con i valori del nostro Paese"

Condividi
AP Photo/J. Scott Applewhite
Metodi e tecniche "inefficaci e brutali". È quanto emerge dal rapporto sulle attività della Cia diffuso dalla commissione di intelligence del Senato Usa: ci sono voluti cinque anni per completarlo. Il presidente Barack Obama condanna duramente l'operato Cia e dice: "I duri metodi sono contrari e incompatibili con i valori del nostro Paese".

"Informazioni inaccurate" alla Casa Bianca
Secondo il rapporto, dedicato alle attività dell'agenzia d'intelligence americana successive all'attacco terroristico dell'11 settembre 2001 alle Torri Gemelle a New York, i metodi usato negli interrogatori sono "più brutali" di quanto spiegato dalla Cia stessa ai legislatori. Motivo per cui la Commissione punta il dito contro la Cia: l'idea è che abbia ripetutamente fuorviato la Casa Bianca e il Congresso fornendo informazioni inaccurate.  Ecco il rapporto integrale, in inglese, che descrive torture "con acqua, insetti, altri animali" e minacce di morte e violenza anche ai famigliari delle vittime:



I filoni del rapporto
Nel lungo rapporto (qui la versione integrale in inglese) si sviluppano quattro filoni: 1) le 'tecniche di interrogatori rafforzati' non erano efficaci; 2) la Cia ha fornito ai parlamentari e al pubblico informazioni ampiamente inesatte sul programma e sulla sua efficacia: 3) la gestione del programma da parte della Cia è stata inadeguata e profondamente viziata; 4) il programma è stato di gran lunga più brutale di quanto riferito dalla Cia ai parlamentari e al pubblico americano.

La condanna di Obama
Durissima la condanna del presidente degli Stati Uniti: "Le tecniche utilizzate dalla Cia hanno danneggiato significativamente l'immagine dell'America e la sua posizione nel mondo e hanno reso più difficile perseguire i nostri interessi con alleati e partner". Quindi l'impegno, da parte di Obama, di continuare a "usare la mia autorità di presidente per assicurare che non faremo mai più ricorso a questi metodi".

La replica della Cia
"Abbiamo fatto degli errori ma abbiamo anche evitato attacchi terroristici", così John Brennan, direttore della Cia, si difende in un comunicato. "Uomini e donne dell'Agenzia hanno lavorato nel mondo 24 ore al giorno...per prevenire attacchi terroristi", ha ribadito Brennan. Su twitter la Cia poi elenca i risultati conseguiti: