Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/sicilia-migranti-sbarchi-500-migranti-salvati-nella-notte-27297a71-a73a-49ad-bcf5-bf7b23d28113.html | rainews/live/ | true
ITALIA

2 mila persone soccorse dalla Marina, altre 700 a bordo di mercantili

Sicilia: sbarchi infiniti. Anche tre morti tra i 200 migranti arrivati a Pozzallo

Attesi oggi 529 migranti a Palermo e altri 109 ad Augusta. Il sindaco di Catania Bianco: "Ci vuole più Europa". Anche Us Navy interviene nel Mediterraneo in soccorso di 282 migranti. La denuncia del prefetto di Trapani: infiltrazioni mafiose nell'accoglienza

Condividi
Migranti sbarcano a Pozzallo (foto Ansa)
Un flusso continuo quello dei migranti in fuga dall'Africa e dal Medio Oriente verso le coste della Sicilia, difficile tenere il conto. E ci sono anche 3 morti tra i 200 migranti arrivati a Pozzallo a bordo delle motonavi Norient Star e Anwaar. Sull'accaduto la Questura di Ragusa ha aperto un'indagine. Nello stesso porto sabato sera erano arrivati altri 422 migranti e nella prime ore di domenica sarebbero dovuti sbarcare gli altri 845 che si trovavano a bordo della nave Ubaldo Diciotti. Ora sono stati trasbordati sulla nave Etna diretta verso Taranto, dopo essere stati per tutta la giornata in attesa di disposizioni nelle acque antistanti il porto di Avola.

Una due giorni di fuoco, dal bilancio ancor più drammatico a causa dei morti. Almeno 2 mila le persone salvate dalla Marina Militare e altre 700 dai mercantili in navigazione. Nelle prime ore di domenica la fregata Scirocco ha salvato 186 migranti tra cui 45 donne e 58 bambini. Nella notte ne sono stati salvati altri 554. La nave rifornitrice Etna con 1335 migranti - tra questi gli 845 che erano sulla Diciotti - farà nelle prossime ore rotta verso il porto di Taranto, seguendo le indicazioni del Ministero dell'Interno. Lunedì 109 migranti arriveranno ad Augusta e altri 509 a Palermo a bordo della motonave City of Sidon. Numeri che si sommano a quelli di sabato: oltre due mila persone sbarcate nei porti della Regione: 1400 e a Porto Empedocle, 266 a Catania e 367 a Palermo.

Individuato uno scafista
Gli agenti della squadra Mobile di Ragusa hanno individuato uno scafista tra i 422 migranti approdati a Pozzallo. Si tratta di un egiziano che è arrivato col primo 'contingente' di migranti sbarcati a bordo della Jupiter Bay, battente bandiera anglosassone e scortata da due rimorchiatori; mentre, dopo è toccato alla Mariana III, il cargo del Singapore, utilizzato principalmente per il trasporto del cemento, giunto a tarda notte con 100 africani a bordo. I poliziotti stanno raccogliendo le ultime testimonianze dei migranti per formalizzare il fermo dell'egiziano.


Bianco: "Ci vuole più Europa"
"Nei primi tre mesi di quest'anno gli sbarchi sono aumentati dell'800 percento - ha detto il sindaco di Catania Enzo Bianco - mi chiedo perchè lo sforzo di umanità dell'operazione Mare Nostrum lo debba fare solo l'Italia. In provincia di Catania 4000 persone sono state accolte a Mineo, ce ne sono altre 800 e 400 nelle varie strutture del territorio. Siamo al collasso".

Le mani della mafia sull'accoglienza
Nella giornata di sabato arriva la denuncia del prefetto di Trapani Leopoldo Falco su possibili intrusioni mafiose. Approfittando dell'emergenza sbarchi "la criminalità organizzata ha cercato di inserirsi nel sistema dell'accoglienza dei migranti. Ci sono stati soggetti grossi, multinazionali legate a faccendieri locali che non ci piacciono, le quali disponendo di molto denaro si sono proposte dietro facce pulite ma noi le abbiamo individuate e respinte" ha detto Falco. "Chi passa velocemente dall'eolico ai centri per migranti - ha aggiunto Falco - evidentemente ha molte cifre da investire".

Us Navy in soccorso di 282 migranti
Due unità della Marina degli Stati Uniti - su segnalazione della Marina Italiana - hanno soccorso nel Mediterraneo 282 migranti mentre una delle sei imbarcazioni su cui stavano navigando stava per colare a picco, e li hanno poi consegnati ad una nave della Marina di Malta. Cinque dei migranti avevano urgente bisogno di cure mediche e sono stati trasportati direttamente sull'isola di Malta.