Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/smart-working-raggiunto-accordo-per-settore-privato-4ac9cc72-a584-4f8a-bee0-0b70e174287a.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Siglato al ministero del Lavoro con le parti sociali

Smart working, raggiunto l'accordo per il settore privato

Accordo tra le parti sociali sul Protocollo Nazionale per la contrattazione collettiva sul lavoro agile nel settore privato. La proposta del ministro del Lavoro Andrea Orlando

Condividi

Al Ministero del Lavoro è stato raggiunto l'accordo con le parti sociali sul Protocollo Nazionale con le linee di indirizzo per la contrattazione collettiva sul lavoro agile nel settore privato, proposto dal ministro del Lavoro Andrea Orlando. Hanno sottoscritto il protocollo, oltre al ministero del Lavoro, i sindacati (Cgil, Cisl, Uil, Ugl, Confsal, Cisal, Usb), Confindustria, Confapi, Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato, Cna, Casartigiani, Alleanza cooperative, Confagricoltura, Coldiretti, Cia, Copagri, Ania, Confprofessioni, Confservizi, Federdistribuzione, Confimie e Confetra.    L'Abi ha manifestato apprezzamento e condivisione e potrà sottoscrivere a seguito della delibera del Comitato Esecutivo in programma nei prossimi giorni.

"Dopo la legge del 2017 e l'utilizzo emergenziale durante il periodo della pandemia, il protocollo siglato oggi dalle parti sociali rappresenta una linea guida per orientare la futura contrattazione collettiva nella definizione di regole comuni per la disciplina del lavoro agile". A sottolinearlo è l'Alleanza delle Cooperative, a seguito della firma del protocollo nazionale sul lavoro in modalità agile.

"I contenuti del protocollo - aggiunge l'Alleanza delle Cooperative - lasciano spazio all'accordo individuale tra lavoratore e datore di lavoro e alla contrattazione collettiva, chiamata a definire alcuni aspetti non sufficientemente approfonditi dalla normativa vigente. Il protocollo, inoltre, richiama una serie di contenuti minimi che l'accordo individuale dovrebbe recepire al fine di evitare zone d'ombra o contenziosi in sede di applicazione; affronta anche i temi, importanti e noti, della sicurezza sui luoghi di lavoro e della tutela della privacy, sia a favore dell'azienda, in particolare sotto il profilo del trattamento dei dati, sia a favore del lavoratore".

L'Alleanza delle Cooperative considera "positivo il richiamo comune alla necessità di individuare misure incentivanti da parte del Governo laddove il lavoro agile sia regolamentato attraverso un contratto collettivo nazionale o di secondo livello".    "Importanti, infine - a giudizio dell'Alleanza - l'auspicio comune di urgenti misure di semplificazione delle comunicazioni obbligatorie, e la volontà di facilitare l'accesso al lavoro agile ai lavoratori in condizioni di fragilità e di disabilità".