Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/snowden-nsa-guida-spionaggio-massa-europa-0314fa74-36c5-4179-bab2-c8d8b0a4e766.html | rainews/live/ | true
MONDO

Datagate

Snowden: "La Nsa guida lo spionaggio di massa in Europa"

La Nsa "non solo permette e guida ma condivide alcuni sistemi di sorveglianza di massa" con i Paesi Ue. Questa la denuncia della talpa che ha dato via al Datagate. L'accusa contro gli Usa: "Pressioni sui paesi membri Ue per non concedermi l'asilo"

Condividi
Edward Snowden
di Emma FarnèStrasburgo
Un programma di spionaggio di massa, anche in Unione Europea, del tutto inutile e arbitrario. Così Edward Snowden parla al Parlamento Europeo e consegna un rapporto di 12 pagine, di cui Rainews.it è in possesso, in cui la "talpa" dell'Nsa ne spiega il meccanismo e risponde alle domande degli esperti

Le spie europee e quelle americane
Nella sua relazione, Snowden illustra quanto fosse inutile il programma di sorveglianza, citando rapporti targati governativi statunitensi: "Non hanno fermato alcun attacco terroristico, neanche quelli di Boston. Questo programma non aveva alcuna base legale". L'unico risultato, per Snowden, è stato "scoprire un tassista che ha fatto un bonifico di 8500 dollari verso la Somalia". Nonostante le numerose pressioni per terminare il programma di spionaggio, questo "è tuttora operativo". Il risultato? "Un bazar europeo. Un bazar dove la Danimarca potrebbe dare all'Agenzia americana l'accesso ad un centro raccolta dati. In cambio ottiene che i suoi cittadini non siano spiati. Lo stesso potrebbe fare la Germania". Tuttavia, sottolinea Snowden, i centri per la raccolta dei dati di Danimarca e Germania collegati: ecco perché alla fine l'Nsa può ottenere tutto quello che vuole. 

Le pressioni  e lo spionaggio in Unione Europea
Rispondendo a una domanda, l'ex agente riferisce: "Una delle principali attività della Fad (la divisione estera della Nsa, ndr) era di esercitare pressioni perché gli Stati membri dell'Unione Europea cambiassero la legge per permettere lo spionaggio". Tra gli Stati coinvolti, "Svezia, Paesi Bassi, Germania". Una volta ottenuto ciò, la Nsa incoraggiava i suoi "partner" europei ad avere l'accesso ai dati delle grandi compagnie di telecomunicazioni. In alcuni casi, come nel Regno Unito, le aziende hanno "passato" dati alle agenzie di spionaggio nazionali, sfruttando "vuoti normativi" per eseguire "operazioni di sorveglianza indiscriminata e massiccia". La colpa dei governi nazionali? "Leggi vaghe". 

"Cerco asilo", ma gli Stati Uniti "non lo consentiranno"
Quindi l'appello di Snowden: "Se mi volete aiutare, fatelo aiutando tutti. Dite che la raccolta indiscriminata e di massa dei dati privati da parte dei governi è una violazione dei nostri diritti e che deve finire". Quanto a Snoden, lui cerca l'asilo in Unione Europea. "Ma parlamentari e governi nazionali mi hanno detto che gli Stati Uniti, e qui lo cito, 'non permetteranno' ai partner europei di offrire asilo politico".