Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/stadi-decreto-renzi-sicurezza-fiducia-44cc9580-47c6-448e-b4df-0f81e378a4ae.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Calcio e sicurezza

Stadi, scontro Figc-Governo. Renzi: "Gli straordinari delle forze dell'ordine li paghino i club"

Polemica a distanza dopo l'annuncio dell'esecutivo della fiducia al decreto. La Federcalcio chiede un confronto "per evitare inutili demagogie"

Condividi
Roma
"Gli straordinari delle forze dell'ordine impegnate negli stadi devono essere pagati dalle società di calcio, non dai cittadini". Lo scrive su Twitter il presidente del Consiglio Matteo Renzi, facendo riferimento ai contenuti del decreto stadi in votazione alla Camera. Ma la polemica infuria con la Federcalcio. "Occorre subito un confronto per evitare inutili demagogie". E' la posizione della Figc che "condivide le preoccupazioni del presidente della Lega di A Beretta" sul dl stadi che introduce un contributo dei club per i costi della sicurezza negli eventi sportivi. "Occorre fare chiarezza", commenta il presidente della Figc Carlo Tavecchio.  

Intanto, il governo pone alla Camera la questione di fiducia sul decreto legge: lo ha annunciato nell'Aula di Montecitorio il ministro per i Rapporti con il Parlamento Maria Elena Boschi. La fiducia viene posta nel testo approvato dalle commissioni. La conferenza dei capigruppo è stata convocata per stabilire il prosieguo dei lavori dell'Assemblea. Le dichiarazioni di voto sulla fiducia avranno inizio dalle 15 di giovedì pomeriggio. Ma non c'è accordo tra le forze politiche su quando dovrà tenersi il voto finale sul provvedimento: Lega e M5S non hanno infatti assicurato tempi certi, per cui durante l'esame degli ordini del giorno, potrebbe tenersi una nuova riunione della conferenza dei capigruppo.