Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/storie-vishal-garg-ceo-better-com-licenziate-900-persone-via-zoom-a688276f-6a91-40d0-b036-a6f4ac5044bd.html | rainews/live/ | true
MONDO

Un messaggio preregistrato: "Il tuo lavoro finisce oggi"

Chi è Vishal Garg, il CEO di Better.com che ha licenziato 900 persone via Zoom

La storia dell'imprenditore di origini indiane tra luci e ombre

Condividi
L'amministratore delegato di Better.com, una società di mutui per la casa valutata a ottobre da Forbes 7 miliardi di dollari, ha licenziato via Zoom 900 dipendenti, pari al 9% del personale. Un secco messaggio preregistrato, nessuna empatia e nessuna possibilità di replica.

"Se siete collegati, fate parte di quel gruppo sfortunato di persone che sono state licenziate", scandisce bene Vishal Garg a poche settimane dal Natale, ripromettendosi di non piangere come aveva fatto, dice, la volta precedente in cui si era trovato nella stessa situazione.



Un secco commento arriva anche dal direttore finanziario, Kevin Ryan che, parlando alla Cnn, dice che mandare persone a casa è sempre "qualcosa che ti prende allo stomaco, specie in questo periodo dell'anno", ma che la "nuova organizzazione ci permetterà di aggredire il mercato".

Quali siano le cause che hanno portato al licenziamento collettivo così sbrigativo di così tanti impiegati è difficile dirlo. Secondo la compagnia, le persone licenziate si sarebbero dimostrate improduttive, limitandosi a lavorare, in remoto, anche solo due ore al giorno. Difficile invece ricondurre la vicenda alla necessità di imporsi sul mercato: la Better.com aveva appena ricevuto un aumento di capitale: 750 milioni di dollari in contanti grazie all'accordo con una SPAC (Società di acquisizioni per scopi speciali), per oltre un miliardo di dollari come società.

Mentre in rete circolano i video delle reazioni di stupore e rabbia dei dipendenti licenziati su due piedi, la stampa americana indaga sul passato dell'imprenditore, coinvolto in più di una controversia. Forbes riferisce di una sua e-mail ai dipendenti: "Siete dannatamente lenti, un branco di delfini sciocchi. Mi mettete in imbarazzo". Il Daily Best racconta che ad agosto uno dei più "leali luogotenenti" di Garg ha ricevuto enormi vantaggi, prima di essere messa in congedo amministrativo per atti di bullismo.

Nato in India, Vishal Garg si è trasferito nel Queens con la sua famiglia quando aveva sette anni. Fin da quando era studente ha dimostrato di avere brillanti capacità imprenditoriali. "Il mio superpotere, penso, è che ero bravo in matematica e bravo a individuare un'opportunità", ha detto in un podcast l'anno scorso. Dopo gli studi in finanza e affari internazionali, insieme a Khan, esperto di programmazione anche lui di origine indiane, nel 2000 ha fondato la società MyRichUncle, che forniva prestiti online per studenti. In sette anni l'attività, iniziata con un investimento di $ 30.000, è stata quotata in borsa per poi fallire nel 2009 a causa della crisi finanziaria.

Di società in società, aperte e liquidate, non senza beghe con partner e dipendenti, nel 2014 si arriva a Better.com, nata per gestire le difficoltà negli acquisti degli immobili. Ad aprile sembra che siano state assunte 1.110 persone per la sede di Gurgaon in India e che agli impiegati indiani il Ceo avesse concesso un'indennità di 140 dollari al mese. 

Il caso Gkn
La vicenda ricorda quanto avvenuto a 422 operai della sede toscana della Gkn Driveline annunciato dalla multinazionale londinese con una email e senza alcun confronto preventivo con i sindacati. La proprietà aveva inviato le email di licenziamento in un giorno di ferie dato d’ufficio ai lavoratori, ma ha poi dovuto fare i conti con la reazione dei suoi dipendenti che hanno indetto un presidio permanente di fronte alla sede.