Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/svizzera-pareggio-nazionale-mondiali-560a717a-c435-40ae-9f08-e6e25a940223.html | rainews/live/ | true
SPORT

Allo Stadio Olimpico di Roma

Calcio. Qualificazioni mondiali, Italia-Svizzera 1-1

Lunedì prossimo gli azzurri affronteranno in trasferta l'Irlanda del Nord e la Svizzera ospiterà la Bulgaria

Condividi
L'Italia ha pareggiato 1-1 contro la Svizzera nella penultima partita del girone di qualificazioni ai Mondiali in Qatar.

Al vantaggio svizzero segnato da Widmer al 12' del primo tempo ha risposto Di Lorenzo al 36'.

Al 90' Jorginho ha fallito un calcio di rigore.   

Italia e Svizzera restano appaiate in testa al girone con 15 punti. Il primo posto e la qualificazione diretta al Mondiale saranno decisi all'ultima giornata, lunedì prossimo, con l'Italia impegnata in Irlanda, e la Svizzera in casa contro la Bulgaria.

Mancini: "Giusto che tirasse Jorginho, se lo sentiva"
"Purtroppo sono episodi che capitano nel calcio, abbiamo sbagliato un rigore all'andata e uno al ritorno. Jorginho è uno dei nostri rigoristi, se la sentiva ed è giusto che abbia tirato": queste le prime parole a caldo di Roberto Mancini, ct dell'Italia che non è riuscita ad andare oltre l'1-1 contro la Svizzera. "Nel primo tempo abbiamo sofferto, nel secondo abbiamo giocato bene, ci è mancato solo il gol - continua il tecnico azzurro - il calcio è così, sapevamo sarebbe stata una partita difficile, il loro gol ci ha condizionato. Ora andremo in Irlanda a fare la nostra partita, partiamo con un leggero vantaggio rispetto alla Svizzera che comunque non è poco, speriamo di fare i gol che ci sono mancati oggi".

Poi un pensiero sul grande Giampiero Galeazzi, giornalista e telecronista sportivo venuto a mancare oggi all'età di 75 anni: "Un gran dispiacere, era un grande amico e una grandissima persona", commenta Mancini ai microfoni della Rai.

Bonucci: "Ora andiamo a vincere a Belfast"
Mastica amaro Leonardo Bonucci, capitano dell'Italia, dopo l'1-1 dell'Olimpico contro la Svizzera: "Nel primo tempo siamo andati un po' sotto ritmo nella gestione della palla - dice il difensore centrale a RaiUno - nel secondo tempo siamo rientrati meglio e potevamo fare di più. A Belfast avremmo dovuto vincere comunque, è la nostra mentalità: non ci andremo pensando di gestire, ma di vincere e portare a casa il mondiale".

Ti aspetti lo stesso impegno da Irlanda del Nord e Bulgaria? "Ovvio che sì. Ci sarà da parte di tutte le nazionali massimo impegno, noi da parte nostra dobbiamo semplicemente andare lì e fare il nostro gioco. Senza fretta, con la giusta determinazione, quella di stasera: abbiamo preso due tiri in porta e su uno siamo stati poco cattivi. Ma fa parte del gioco".

Avete consolato tutti Jorginho. "È il nostro rigorista e continuerà a esserlo. Quattro mesi fa ci ha portati in finale col rigore decisivo contro la Spagna. Capita a tutti di sbagliare, noi dobbiamo guardare avanti: ora recuperiamo e da gruppo quale siamo andiamo a Belfast a prenderci il mondiale".