Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/trump-calo-sondaggi-comizi-adc29ae4-764f-4d52-bd6d-451246233aa8.html | rainews/live/ | true
MONDO

Trump in calo di popolarità si affida ai comizi elettorali

Nell'ultimo mese, secondo quanto rileva Gallup, la sua popolarità è scesa di 10 punti, al 39% dal 49%. E tra i repubblicani il calo è stato del 7% all'85%

Condividi
La risposta al coronavirus e alle proteste contro il razzismo sta penalizzando il presidente Donald Trump nei sondaggi. Nell'ultimo mese, secondo quanto rileva Gallup, la sua popolarità è scesa di 10 punti, al 39% dal 49%. E tra i repubblicani il calo è stato del 7% all'85%, il minimo da due anni per l'inquilino della Casa Bianca tra gli elettori del suo partito. Il tycoon ha dunque annunciato che tornerà a fare comizi elettorali in grande stile, dopo tre mesi di stop per la pandemia. "Riprenderemo i nostri comizi. Abbiamo sempre avuto un'incredibile risposta ai comizi, credo non sia mai rimasta una sedia vuota da quando siamo scesi da quella scala mobile", ha rimarcato il presidente riferendosi alla sua discesa in campo per le presidenziali del 2016 annunciata nell'atrio della Trump Tower. Il primo evento elettorale sarà venerdì della prossima settimana a Tulsa, in Oklahoma. Seguiranno raduni elettorali in Texas, Florida, Arizona e Carolina del Nord. Gli ultimi tre sono tradizionalmente 'in bilicò alle presidenziali e i sondaggi suggeriscono un testa a testa tra Trump e lo sfidante democratico Joe Biden. Gli ex presidenti George H.W. Bush e Jimmy Carter risultano gli unici due incumbent con un tasso di approvazione intorno al 30% nel giugno dell'anno elettorale ed entrambi hanno perso la sfida.
 
 Secondo i dati della super Pac democratica Priorities Usa, Biden è in testa in 5 dei 6 'swing states' che determineranno l'esito delle presidenziali del 2020: Michigan, Wisconsin, Pennsylvania, Carolina del Nord e Arizona. In Florida Trump e Biden sono praticamente alla pari. In base a queste proiezioni, Biden avrebbe 305 voti nel collegio elettorale su 538, a fronte dei 270 necessari per vincere la presidenza. In questo scenario, Trump avrebbe 204 voti mentre resterebbero appesi i 29 voti della Florida. Quanto delineato da Priorities Usa non è una proiezione su quello che potrebbe succedere a novembre ma una fotografia della situazione allo stato attuale. Trump ha definito "una grande tragedia" la morte di George Floyd per mano della polizia ma ha anche minacciato di usare l'esercito contro i manifestanti. È stato travolto dalle critiche per l'ordine di sparare lacrimogeni e proiettili di gomma contro chi protestava davanti alla Casa Bianca. Secondo l'indagine di Gallup, il presidente ha perso consensi anche sul fronte delle politiche economiche, approvate dal 47% degli americani contro il 63% registrato lo scorso gennaio. Solo il 42% degli elettori apprezza la risposta di Trump al Covid-19 dal 50% ad aprile. Il tycoon, annunciando il comizio di Tulsa, ha elogiato il modo il cui lo stato ha gestito la pandemia. Sul coronavirus "hanno fatto un grande lavoro", ha detto dell'Oklahoma dove i morti per il Covid sono 353 e i casi 7.300. La data scelta per il comizio di Tulsa, il 19 giugno, coincide con la festività del "Juneteenth" che commemora la fine della schiavitù negli Stati Uniti. Trump oggi vola invece a Dallas, in Texas, per una raccolta fondi in occasione della quale è previsto anche un intervento sulla ripresa economica.