Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/turchia-von-der-leyen-mi-sono-sentita-ferita-come-donna-e-come-europea-d349bafc-af86-4143-8226-52b21551fa15.html | rainews/live/ | true
EUROPA

Sofagate

Turchia, von der Leyen: "Mi sono sentita ferita come donna e come europea"

"La mia storia ha fatto notizia. Ma ci sono cosi' tante storie di donne, la maggior parte delle quali molto più serie, che passano inosservate. Dobbiamo assicurarci che anche queste storie vengano raccontate", ha detto la presidente della Commissione Europea

Condividi
"Sono la prima donna a essere presidente della commissione europea ed è così che mi aspettavo di essere trattata nel viaggio in Turchia, come una presidente della commissione. Non riesco a trovare una giustificazione e devo concludere che quello che è successo è accaduto perché sono una donna". Così la presidente della Commissione europea Ursulavon der Leyen intervenendo al Parlamento europeo al dibattito sulla Turchia.

"Mi sono sentita ferita come donna e come europea- ha aggiunto - questo riguarda i valori che sono alla base della nostra Unione e dimostra quanto dobbiamo ancora fare perché le donne siano trattate con parità".

"La mia visita in Turchia ha mostrato fino a che punto dobbiamo ancora spingerci prima che le donne siano trattate alla pari. Sempre. Ovunque", ha dichiarato Ursula von der Leyen, all'Europarlamento. "La mia storia ha fatto notizia. Ma ci sono cosi' tante storie di donne, la maggior parte delle quali molto più serie, che passano inosservate. Dobbiamo assicurarci che anche queste storie vengano raccontate", ha aggiunto.

Partecipazione donne rende forte democrazia
"Lo status delle donne rappresenta lo status della democrazia, la parità di partecipazione delle donne rende più forte la democrazia", ha detto la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

Stop antisemitismo e razzismo
"Quando parliamo di rispetto e di dignità non ci dobbiamo limitare alla parità tra donne e uomini, la questione è molto più ampia, non possiamo  accettare che le zone libere da lgbti si moltiplichino in Europa, non possiamo accettare che i rom siano discriminati, non possiamo accettare l'antisemitismo e il razzismo che troviamo in diversi angoli della nostra Unione, ha detto Ursula von der Leyen nel suo intervento al Parlamento europeo. "L' Europa vale molto di più di questo e ogni volta rimango a bocca aperta che si debba parlare di cose così ovvie nella Ue", ha aggiunto.

Serve de-escalation nel Mediterraneo
"Il rispetto dei diritti delle donne è fondamentale per la ripresa del dialogo con la Turchia,ma non è l'unica conditio sine qua non  ad Ankara ho anche portato un altro messaggio: la Turchia deve provvedere ad una de-escalation nel Mediterraneo orientale, deve accettare le sentenze della corte europea dei diritti dell'uomo, queste sono le nostre condizioni per rafforzare la nostra cooperazione economica con la Turchia e portare avanti dialoghi ad alto livello sul cambiamento climatico, la salute pubblica e questioni regionali",  ha detto la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen nel suo intervento al Parlamento europeo ."In queste condizioni sarebbe più facile trovare risorse nuove per aiutare la Turchia a gestire più di 4 milioni di siriani - ha precisato -. Accogliamo con favore gli sforzi profusi dalla Turchia in questo senso". 

Michel, confermo pubblicamente impegno a favore donne
"Mi rendo conto che quelle immagini possano essere ritenute offensive, in particolare dalle donne, vorrei confermare pubblicamente un mio impegno, completo totale assoluto a sostenere le donne nella parità di genere in tutti i sensi, cosa che ho sempre fatto per altro nella mia carriera politica", lo ha dichiarato il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, nel suo intervento all'Europarlamento sul sofagate.

Ho espresso diverse volte il mio rammarico per la situazione che si è venuta a creare nel viaggio ad Ankara. Le nostre squadre non hanno potuto avere accesso alla sala. Insieme alla Commissione ci siamo impegnati perché non accada più in futuro", ha detto il presidente del Consiglio europeo Charles Michel intervenendo al Parlamento europeo al dibattito sulla Turchia.  "In quell'istante avevo deciso di non reagire ulteriormente per non creare un incidente politico che avrebbe rovinato mesi di preparativi e sforzi politici e diplomatici", ha aggiunto Michel.  "Mi rendo conto che le immagini hanno potuto dare il senso a molte donne di sentirsi offese collettivamente, vorrei confermare il mio impegno a completo e assoluto a sostenere le donne e la parità di genere, cosa che ho sempre fatto nella mia carriera politica", ha aggiunto Michel al parlamento europeo. "Io e la presidente della commissione europea abbiamo  espresso con vigore  ad Erdogan la nostra posizione rispetto alritiro della Turchia alla Convenzione di Istanbul", ha aggiunto.