Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/unicef-Giornata-mondiale-Infanzia-62b70215-25d3-4961-852a-f238e296cdeb.html | rainews/live/ | true
ITALIA

La giornata mondiale dell'infanzia

Unicef: oggi monumenti illuminati di blu per la Giornata mondiale dell'Infanzia

"A 32 anni dall'approvazione da parte dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite della convenzione sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, e a 30 anni dalla sua ratifica da parte dell'Italia, i diritti dei bambini - commenta la presidente Pace - non sono ancora rispettati e tutelati in tutto il mondo"

Condividi
Oggi la giornata mondiale dell'infanzia in cui si svolgeranno diverse iniziative, prima tra tutte "Go blue", quella in cui saranno illuminati di blu monumenti o edifici rappresentativi per ribadire il ruolo delle amministrazioni comunali a sostegno dei diritti dei bambini. A promuoverla è l'Unicef spiegando che tra i tanti monumenti illuminati ci sono: a Torino la cupola della cappella della Sindone, i palazzi della Giunta Regionale, del Consiglio Regionale, di palazzo civico e della caserma dei Vigili del fuoco; la Lanterna di Genova; la fontana dei due fiumi del Graziosi a Modena; la porta San Giacomo sulle mura venete della città alta di Bergamo; il loggiato dell'istituto degli innocenti in piazza Santissima Annunziata e le porte storiche a Firenze; la torre Zucchetti a Lodi. 

Ma questa non è l'unica iniziativa. I volontari dei comitati locali Unicef saranno coinvolti in numerose iniziative tutta la settimana, con incontri nelle scuole, convegni, mostre, letture animate, proiezioni di film, attività ludiche e sportive, concerti in diverse città.

In prima fila anche la Rai con la programmazione televisiva. Su Rai Ragazzi, Rai Gulp e Rai Yoyo e su Raiplay, l'Unicef ha collaborato realizzando uno spot sui diritti dell'infanzia diretto ed oggi nell'ambito della programmazione di Rai Gulp ha patrocinato e promosso due dei tre film che verranno trasmessi in esclusiva e prima visione, dedicati diritti dei bambini: alle 19.55 sarà proposto "Mila", film d'animazione di Cinzia Angelini, sul tema dei bambini durante la guerra e alle 20.40, in prima visione, il film "Il diritto alla felicità" di Claudio Rossi Massimi. Dedicato all'Unicef che racconta una storia di amicizia, integrazione e soprattutto amore per gli uomini e la loro storia. Inoltre la presidente dell'Unicef Italia Carmela Pace parteciperà il 23 novembre all'inaugurazione della mostra fotografica nella sala biblioteca della Borsa di Bologna dal titolo "I sogni dei bambini", che raccoglie disegni, poesie e pensieri dei bambini durante il lockdown.

"A 32 anni dall'approvazione da parte dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite della convenzione sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, e a 30 anni dalla sua ratifica da parte dell'Italia, i diritti dei bambini - commenta la presidente Pace - non sono ancora rispettati e tutelati in tutto il mondo. La pandemia da Covid-19 ci ha insegnato che esiste un unico modo per superare le emergenze globali: uniti. E, uniti, dobbiamo lavorare per un presente e un futuro migliore per le nuove generazioni".  

"Oggi è la giornata mondiale dell'infanzia e mai come quest'anno non c'è nulla da festeggiare, anzi deve essere una giornata di silenzio, senza ipocriti indignazioni o retoriche sul futuro delle bambine e dei bambini, non ne possiamo più", ha detto in una nota, il portavoce dell'Unicef Italia Andrea Iacomini. "La carta del 1989 il trattato più ratificato al mondo su infanzia e adolescenza - sostiene - è oggi il più violato, stracciato dalla nostra indifferenza e inazione di fronte a bambini che muoiono di freddo ai confini dell'Europa e ogni anno continuano a perdere la vita in mare. E che dire dei bambini in Afghanistan che sopportano il peso di una crisi umanitaria senza precedenti? 14 milioni di loro non hanno cibo da mangiare, lo diciamo da mesi, è inammissibile". "Oggi ho deciso di non celebrare pubblicamente questa giornata - conclude - di spegnere simbolicamente i miei social per esprimere tutta la mia solidarietà e vicinanza alle bambine e i bambini del pianeta vittime dell'impotenza di noi adulti".