Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/usa-microsoft-hacker-presidenziali-attacchi-52fe739f-c008-4892-9266-8145453f44ba.html | rainews/live/ | true
USA2020

Tentativo di spiare sia Democratici che Repubblicani

Microsoft: nuovi attacchi hacker stranieri su presidenziali Usa

Condividi
Hacker con legami con la Russia, la Cina e l'Iran stanno tentando di spiare persone e gruppi coinvolti nelle presidenziali americane di novembre. Lo ha denunciato Microsoft.

Il gruppo russo che ha hackerato la campagna dei Democratici nel 2016 è nuovamente coinvolto nel cyber-attack. Microsoft ha reso noto che "è evidente che gruppi stranieri hanno aumentato i loro sforzi" per colpire le elezioni con obiettivo sia il presidente Donald Trump sia il rivale democratico Joe Biden.

Gli hacker russi del gruppo Strontium hanno colpito oltre 200 organizzazioni, molte legate a partiti politici Usa, secondo la nota di Microsoft. Gli hacker cinesi hanno lanciato attacchi contro individui legati alla campagna di Biden, mentre quelli iraniano a quella di Trump. Molti degli attacchi cibernetici non hanno avuto successo secondo Microsoft.

Cina: Microsoft "inventa accuse, da noi nessuna interferenza"
La Cina accusa Microsoft di "inventare" accuse e "creare problemi", dopo l'ultimo rapporto del gruppo che indica un aumento degli attacchi informatici a organizzazioni e persone coinvolte nella campagna per le elezioni presidenziali Usa da parte di gruppi di hacker stranieri, tra cui quelli cinesi, oltre a russi e iraniani. "Le elezioni presidenziali negli Stati Uniti sono una questione interna", ha scandito il portavoce del Ministero degli Esteri di Pechino, Zhao Lijian. "Non abbiamo interesse a interferire e non abbiamo mai interferito".