Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/uso-virtuoso-social-media-Mattarella-premia-30-Alfieri-della-Repubblica-15e80e11-3e69-4459-b190-71995701265d.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Quirinale

Mattarella premia 30 Alfieri della Repubblica per l'uso virtuoso dei social media

Condividi
"Il Presidente della Repubblica,Sergio Mattarella, ha conferito 30 Attestati d'onore di "Alfiere della Repubblica" a giovani che nel 2021 si sono distinti per l'uso consapevole e virtuoso degli strumenti tecnologici e dei social network, anche in relazione ai problemi posti dalla pandemia.

I casi scelti sono emblematici di comportamenti da incoraggiare, componendo un mosaico di virtù civiche espresse dai giovani durante questo lungo e difficile periodo".

"Assegnate anche tre targhe per azioni collettive in ambito di agricoltura sostenibile, di comunicazione digitale e di impegno in un'impresa sociale in un carcere minorile".

Il più giovane ha undici anni, Gennaro Dragone, che a San Giovanni a Tenduccio, a Napoli, è riuscito a creare la prima "comunità energetica del Centro Sud" Italia. La più creativa Federica Mauro, ragazza autistica di Arezzo, la cui opera è stata scelta dalla Dante society di Londra come locandina per il concorso internazionale 'Dante 700' e dall'Accademia della Crusca come copertina del volume 'Dante l'italiano'.    Ma il 'filo rosso' che lega i nuovi alfieri della Repubblica è soprattutto lo straordinario impegno dimostrato dai ragazzi per superare la pandemia, anche grazie alle loro capacità spontanee nell'uso degli strumenti tecnologici e social media. Nei mesi delle restrizioni anti Covid, in diversi hanno aiutato parenti, compagni coetanei o più piccoli con difficoltà nella Dad

Mattarella, comprendere dipendenze fondamentale per intervenire 
Il Presidente in occasione della VI Conferenza Nazionale sulle Dipendenze ha inviato un messaggio alla alla Ministra per le Politiche giovanili, Fabiana Dadone.

"Il fenomeno delle dipendenze ha spesso radici profonde, legate a disagi che possono riguardare ciascuna persona e che la società fatica a cogliere per tempo.Comprendere tale realtà rappresenta un punto di partenza fondamentale per intervenire con la determinazione e le capacità necessarie nei vari ambiti". Scrive Mattarella  "Il vasto programma dei lavori della Conferenza nazionale è indicativo della dimensione del problema, che viene affrontato non già come episodio circoscritto e poco esplorato, ma in tutta la sua complessità. Le sessioni della Conferenza sono infatti dedicate ai diversi aspetti e alle molteplici possibil imanifestazioni della dipendenza: esse mettono in luce, pur nella drammaticità delle tematiche affrontate, il grande impegno e la consapevolezza di quanti operano ad ogni livello nei settori coinvolti e nelle istituzioni di riferimento".

 "Sono certo che queste giornate, grazie all'efficace articolazione dei lavori e ai momenti di dibattito, potranno consentire, per la competenza di quanti vi partecipano, un importante scambio di informazioni e di esperienze e contribuire così ad individuare strategie utili per arginare e combattere,con le conoscenze e gli strumenti più idonei, tale preoccupante problema. È con questo auspicio che formulo a tutti i partecipanti, ai relatori e agli organizzatori della VI Conferenza Nazionale sulle Dipendenze i migliori auguri di buonl avoro per una proficua e approfondita discussione".