Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/vaccini-in-italia-45-milioni-di-immunizzati-terze-dosi-a-quota-quasi-6-milioni-54703fe0-c372-4baf-be72-a9e0734fe673.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Somministrazioni effettuate ammontano a 95.412.569.

Vaccini: In Italia 45 milioni di immunizzati, terze dosi a quota 5,8 milioni

"Negli ultimi 30 giorni in Italia si osserva una maggiore incidenza di casi diagnosticati nella popolazione non vaccinata" si legge nel rapporto dell'Iss

Condividi
In Italia sono 45.610.089 le persone che hanno completato il ciclo vaccinale anti-Covid e 47.124.390 quelle che hanno effettuato almeno una dose, mentre le terze dosi sono a quota 5.791.668. E' quanto emerge dai dati forniti dal ministero della Salute secondo cui le somministrazioni effettuate dall'inizio della campagna ammontano a 95.412.569.

"Negli ultimi 30 giorni in Italia si osserva una maggiore incidenza di casi diagnosticati nella popolazione non vaccinata. Dopo sei mesi dal ciclo vaccinale, scende dal 72% al 40% l'efficacia nel prevenire qualsiasi diagnosi sintomatica o asintomatica di Covid-19 rispetto ai non vaccinati". E' quanto rileva l'Iss nel suo report esteso, spiegando che "rimane elevata l'efficacia vaccinale nel prevenire casi di malattia severa, in quanto l'efficacia per i vaccinati con ciclo completo da meno di sei mesi è pari al 91% rispetto ai non vaccinati, mentre risulta pari all'81% per i vaccinati con ciclo completo da oltre sei mesi rispetto ai non vaccinati".

"Dopo 6 mesi dal completamento del ciclo vaccinale, si osserva una forte diminuzione dell'efficacia vaccinale nel prevenire le diagnosi in corrispondenza di tutte le fasce di età. In generale, su tutta la popolazione, l'efficacia vaccinale passa dal 72,5% nei vaccinati con ciclo completo entro sei mesi rispetto ai non vaccinati, al 40,1% nei vaccinati con ciclo completo da oltre sei mesi rispetto ai non vaccinati. Nel caso di malattia severa, la differenza fra vaccinati con ciclo completo da oltre e da meno di sei mesi risulta minore. Si osserva, infatti, una decrescita dell'efficacia vaccinale di circa 10 punti percentuali, in quanto l'efficacia per i vaccinati con ciclo completo da meno di sei mesi è pari al 91,6%, mentre risulta pari all'80,9% per i vaccinati con ciclo completo da oltre sei mesi, rispetto ai non vaccinati", aggiunge l'Iss.