Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/vaticano-segreto-bancario-addio-accordo-entro-marzo-2db5e2a9-c44d-4e24-9511-901b5143e9ad.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Fisco

Vaticano, segreto bancario addio. Accordo entro marzo con l'Italia

Dopo la Svizzera, il Governo prepara un accordo con lo Stato del Vaticano. Ad anticiparlo è stato il presidente del Consiglio Matteo Renzi, che ha detto: "Non c'è solo la Svizzera. Io, per esempio spero di recuperare un po' di denari anche dal Vaticano"

Condividi
Lo ha confermato anche padre Federico Lombardi: "Sono effettivamente in corso interlocuzioni per collaborare con l'Italia ad andare verso il traguardo di una più ampia e completa trasparenza e dello scambio di informazioni ai fini fiscali". La dichiarazione del direttore della Sala Stampa della Santa Sede è arrivata dopo che Matteo Renzi, in riferimento ai recenti accordi bancari con la Confederazione elvetica, aveva annunciato trattative anche con Oltretevere. "Non c'è solo la Svizzera - aveva detto - Io spero di di recuperare un po' di denari dal Vaticano". E in merito alle trattative aveva aggiunto: "Stiamo discutendo. Quello che abbiamo fatto con la Svizzera, con Montecarlo o con il Liechtenstein vogliamo farlo anche con il Vaticano. Ci sono molti italiani coinvolti e credo che la Santa Sede sia interessata a fare un repulisti". 

Accordo entro marzo
Secondo il quotidiano "Repubblica", l'intesa tra Italia e Vaticano sarebbe "ad un buon stato di definizione e potrebbe essere firmata entro il mese di marzo". Se l'intesa andrà in porto, per il governo italiano si tratterebbe del quarto accordo messo a segno nelle ultime settimane sullo scambio di informazioni bancarie ai fini fiscali.

Già chiusi 700 conti laici
Nel 2014, a seguito di un processo di verifica, lo Ior ha chiuso i rapporti con circa 3mila dei suoi clienti: 755 i conti di laici. In totale, sono circa 19mila i clienti dello Ior: fra questi non solo ecclesiastici ma anche diversi istituti religiosi. L'accordo fiscale tra Italia e Vaticano, insomma, prepara il terreno perché la Banca del Papa torni interamente nel solco della Chiesa.