Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/via-libera-al-vaccino-astrazeneca-anche-per-il-over-65-42a7349e-7d39-41c7-a1f1-3ba0594f9702.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Lotta alla pandemia

Via libera al vaccino AstraZeneca anche per gli over 65

La circolare del Ministero della Salute precisa che sono, però, esclusi i soggetti" estremamente vulnerabili" per particolari patologie

Condividi
Via libera del ministero della Salute all'utilizzo del vaccino anti-Covid di AstraZeneca anche nei soggetti sopra i 65 anni di età, esclusi però i soggetti" estremamente vulnerabili" per particolari patologie. Lo prevede la circolare"Utilizzo del vaccino COVID-19 VACCINE ASTRAZENECA nei soggetti di età superiore ai 65 anni" firmata dal direttore della Prevenzione del ministero della Salute Gianni Rezza. 

"Ulteriori evidenze scientifiche resesi disponibili - si spiega nella circolare del ministero della Salute - non solo confermano il profilo di sicurezza favorevole relativo al vaccino ma indicano che, anche nei soggetti di età superiore ai 65 anni, la somministrazione del vaccino di AstraZeneca è in grado d'indurre significativa protezione sia dallo sviluppo di patologia indotta da SARS-CoV-2, sia dalle forme gravi o addirittura fatali di COVID-19".   

Sulle basi di tali considerazioni,  si sottolinea, "anche in una prospettiva di sanità pubblica connotata da limitata disponibilità di dosi vaccinali e alla luce della necessità di conferire protezione a fasce di soggetti più esposti al rischio di sviluppare patologia grave o addirittura forme fatali di COVID-19, il gruppo di lavoro su SARS-CoV-2 del Consiglio Superiore di Sanità ha espresso parere favorevole a che il vaccino AstraZeneca possa essere somministrato anche ai soggetti di età superiore ai 65 anni".   

Tale indicazione, precisa il  ministero, "non è da intendersi applicabile ai soggetti identificati come estremamente vulnerabili in ragione di condizioni di immunodeficienza, primitiva o secondaria a trattamenti farmacologici o per patologia concomitante che aumenti considerevolmente il rischio di sviluppare forme fatali di COVID-19". In questi soggetti, si conferma dunque l'indicazione a un uso preferenziale dei vaccini a RNA messaggero.