Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/violenza-donne-india-16b17497-81bc-49a3-b134-75d9a7a9d59e.html | rainews/live/ | true
MONDO

Si perde, chiede indicazioni stradali ma viene violentata

Nuova Delhi, turista danese stuprata in centro

Una turista danese, 51 anni, è stata stuprata da un gruppo di uomini in pieno giorno in una zona centrale della capitale indiana

Condividi
Giovani indiane manifestano contro la violenza sulle donne
Una turista danese è stata stuprata da un gruppo di uomini in pieno giorno in una zona centrale di Nuova Delhi, capitale dell'India. La donna, 51 anni, è stata aggredita e minacciata con un coltello da otto uomini, dopo essersi persa nel quartiere turistico di Paharganj , nel centro della capitale indiana.
Il portavoce della polizia, Rajan Bhagat, ha fatto sapere che gli assalitori l'hanno portata via con l'inganno, violentata e rapinata. La turista aveva chiesto agli aggressori indicazioni su come raggiungere il proprio albergo.
"Quando è arrivata in hotel, era in uno stato terribile - ha raccontato Bahl, il proprietario dell'hotel situato nel quartiere di Paharganj - stava piangendo e non era in buone condizioni. "Mi vergogno davvero - ha aggiunto Bahl - che questo sia successo".
 
Gli agenti hanno fermato 15 persone per interrogarle in relazione alla vicenda, ma per il momento non ha effettuato arresti. La turista ha già fatto ritorno in Danimarca.
 
Due violenze nello stesso giorno
Anche una cooperante tedesca di 18 anni ha raccontato di essere stata violentata mentre si trovava a bordo di un treno diretta a Chennay, nello Stato sud-orientale del Tamil Nadu. Il presunto assalitore è stato arrestato, avrebbe abusato di lei approfittando di averla sorpresa nel sonno.
 
Abusi sulle donne in India
Si tratta dell'ennesimo caso di violenza sessuale che scuote l'India. Nei giorni
scorsi, sempre a New Delhi, una donna di nazionalità polacca era stata aggredita e violentata da un tassista mentre si trovava con la figlia di due anni.
Anche una studentessa di 23 anni è stata stuprata lo scorso dicembre sempre a Nuova Delhi. La giovane morì per le ferite riportate e il governo ha approvato di conseguenza leggi che prevedono pene più severe per stupro, stalking e voyeurismo.
Tra gennaio e ottobre del 2013 a Nuova Delhi e nei sobborghi della capitale 1.330 donne si sono rivolte alla polizia per denunciare di essere rimaste vittime di stupro, in netto aumento rispetto alle 706 segnalazioni registrate in tutto il 2012. L'ondata di violenze rischia di danneggiare il settore del turismo, che registra il 6,6% del Pil indiano. L'anno scorso una turista svizzera era stata violentata da un gruppo di uomini durante un viaggio in bici con il marito nella zona centrale dell'India.