In mostra fino al 13 febbraio 2022

"Una scultura per Margherita Hack"

Otto progetti tra i quali verrà scelta l'opera che diventerà la prima opera dedicata ad una donna, installata in uno spazio pubblico a Milano

"Una scultura per Margherita Hack"
Ansa
Margherita Hack

Presso l'atelier della Casa degli Artisti di Milano, fino al 13 febbraio, la mostra “Una scultura per Margherita Hack”, dove sono esposti otto progetti tra i quali verrà scelta l'opera che diventerà la prima statua dedicata ad una donna, installata in uno spazio pubblico a Milano.

La rassegna è organizzata da Fondazione Deloitte, in collaborazione con Casa degli Artisti e con il supporto del Comune di Milano - Ufficio Arte negli Spazi Pubblici, e l’obiettivo è quello di donare alla città una scultura dedicata a una iconica figura femminile, nonché massima espressione del mondo STEM (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica)

L’esposizione presenta al pubblico i testi, i disegni, i rendering e le maquette che illustrano gli 8 progetti proposti per omaggiare l'astrofisica e il suo impegno professionale e civile.

Le artiste che hanno aderito all'invito de La Casa degli Artisti, per concorrere con le proprie opere, sono: Chiara Camoni, Giulia Cenci, Zhanna Kadyrova, Paola Margherita, Marzia Migliora, Liliana Moro, Sissi e Silvia Vendramel.

Le scultrici hanno risposto alla sfida di progettare, ciascuna attraverso il proprio linguaggio, un’opera dedicata alla scienziata, alla donna, alla ricercatrice Margherita Hack e ma che sia anche una riflessione sul concetto stesso di monumento e il suo rapporto con lo spazio pubblico.

L’ attesa è per il 9 febbraio, giorno in cui saranno annunciati il progetto vincitore, la menzione speciale e il luogo in cui, a giugno, la scultura verrà inaugurata.