Nuova Zelanda

Proteste contro le misure anti-Covid, camion circondano il parlamento a Wellington

Come in Canada anche i neozelandesi scendono in strada. Il primo ministro Jacinda Ardern non riceverà i manifestanti e sottolinea: "Il 96 per cento dei cittadini è vaccinato"

Dopo il Canada è la volta della Nuova Zelanda. Le proteste, con un convoglio di camion e camper, contro le restrizioni e le vaccinazioni di Covid, hanno bloccato le strade vicino al parlamento nella capitale neozelandese, Wellington. Centinaia i veicoli parcheggiati nelle strade che circondano l'edificio del parlamento, noto come The Beehive. "Ridateci la nostra libertà", la "coercizione non è' consenso" sono alcune delle scritte comparse durante la manifestazione. Altre centinaia di auto e camion hanno girato per il centro città con i clacson a tutto volume mentre più di mille manifestanti a piedi ascoltavano i discorsi.  

La manifestazione è rimasta pacifica, con la polizia che non ha segnalato arresti o incidenti gravi. Il primo ministro Jacinda Ardern ha affermato di non avere intenzione di avviare discussioni con i partecipanti al convoglio, sostenendo che la maggior parte dei neozelandesi aveva mostrato il proprio sostegno al programma di vaccinazione del governo. "Il 96 per cento dei neozelandesi è uscito e si è vaccinato, il che ci ha permesso di vivere ora con meno restrizioni a causa della protezione aggiuntiva che ha fornito", ha detto a Radio New Zealand.

Le vaccinazioni Covid sono obbligatorie per le persone che lavorano in determinati settori in Nuova Zelanda, come la salute, le forze dell'ordine, l'istruzione e la difesa. Nel Paese è presente un sistema di tessere, con l'obbligo di esibire il certificato di vaccinazione per accedere a ristoranti, eventi sportivi e servizi religiosi. Non è richiesto per i mezzi pubblici, supermercati, scuole e per accedere ai servizi sanitari.

Uno dei portavoce della protesta di Wellington, Stu Main, ha affermato che i manifestanti sentivano che le loro preoccupazioni per l'erosione dei diritti non venivano ascoltate dal governo. "In realtà sono vaccinato, ma sono contrario a imporre alle persone di essere vaccinate", ha detto all'AFP, .  "Penso che sia vergognoso, costringere la vaccinazione a persone che non la vogliono".