Il punto alle 18

Guerra in Ucraina: che cosa è successo oggi 1 marzo

Colpite duramente dai raid Kiev e Kharkiv, mentre Mosca dichiara di controllare tutta la costa del Mar d'Azov. Domani il secondo round negoziale

Guerra in Ucraina: che cosa è successo oggi 1 marzo
Getty images
Il palazzo del governo regionale colpito in piazza Libertà a Kharkiv

L'invasione avanza in Ucraina: una impressionante colonna di mezzi militari russi si è diretta da Nord Ovest verso la capitale Kiev, dove sono stati colpiti la torre della tv e il memoriale della Shoah. Un missile ha distrutto il palazzo del governo nella seconda città ucraina Kharkiv, aspri combattimenti e spari anche sui civili molte altre città. Secondo l'ufficio dell'Onu per i diritti umani, le vittime sono finora "almeno 136" di cui 13 bambini. I feriti, secondo questa stima, sono invece almeno 400. Domani ci sarà un secondo round di negoziati, Kiev ha intanto presentato richiesta di adesione all'Unione europea.


● Nuovi raid hanno colpito Kharkiv, metropoli da 1,4 milioni di abitanti nella parte orientale del paese, poco distante dal Donbass. In mattinata un razzo si abbattuto sulla centrale Piazza della Libertà e ha danneggiato il palazzo del governo, ma, secondo quanto riferito dalle autorità locali, diverse esplosioni hanno anche colpito obiettivi civili e residenziali. Almeno dieci le vittime. Un ulteriore raid, alcune ore più tardi, ha colpito un edificio residenziale di cinque piani. A Okhtyrka, alcune decine di chilometri più a ovest, inoltre, oltre 70 militari ucraini sarebbero stati uccisi nell'attacco di artiglieria russo contro una base militare.


● La capitale Kiev, obiettivo principale dell'attacco russo, è sotto assedio. I combattimenti proseguono ma la notizia principale di oggi è la constatazione, tramite immagini satellitari, di un convoglio di mezzi militari russi lungo oltre 60 chilometri in marcia da Nord-Ovest verso Kiev. Un raid aereo ha colpito la torre della televisione, sarebbero cinque le vittime. Altrettante ce ne sarebbero state al memoriale della Shoah della capitale, anch'esso colpito dai raid russi


● Sugli altri fronti, la città meridionale di Kherson è ancora sotto assedio russo, mentre l'esercito russo e le milizie separatiste si sono congiunte sul mar d'Azov e controllerebbero al momento tutti gli accessi alla costa. Alcuni media occidentali riportano la notizia di truppe bielorusse che avrebbero attraversato il confine con l'Ucraina a Nord, nei pressi di Chernihiv, per unirsi all'invasione russa, ma il Pentagono ha successivamente fatto sapere che non ci sono riscontri. Il presidente Lukashenko aveva negato che il paese avrebbe preso parte ad operazioni di combattimento in territorio ucraino


● Secondo il governo polacco, sono circa 350.000 i rifugiati entrati nel paese dall'Ucraina nell'ultima settimana


Il secondo round di colloqui tra Russia e Ucraina si terrà domani, secondo quanto riferiscono media ucraini che citano fonti diplomatiche di Kiev. Il primo si era tenuto ieri e ci sarebbero stati "alcuni progressi", secondo quanto riferito dalla delegazione di Kiev. Il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov ha intanto accusato il governo ucraino di "cospirare per sviluppare il suo arsenale atomico", costituendo "una minaccia alla sicurezza internazionale"


● Kiev ha presentato ufficialmente la richiesta di adesione all'Unione europea. Il Parlamento di Bruxelles ha approvato una mozione per chiedere alle istituzioni dell'Unione di concedere lo status di paese candidato. Ursula von der Leyen, intervenendo alla plenaria, non ha chiuso ma ha messo in chiaro che "c'è ancora una lunga strada da percorrere". Collegato in videoconferenza, il presidente ucraino Zelensky ha lanciato un appello: "Dimostrateci che siete con noi, provateci che non ci lascerete soli e che siete davvero europei".


● Il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg ha dato notizia, oggi, dell'arrivo delle prime truppe francesi in Romania. Venerdì si terrà una riunione straordinaria del Consiglio Atlantico della Nato tra i ministri degli Esteri dell'alleanza.


LA CRONACA MINUTO PER MINUTO